TEST DI VERGINITA’

di Dania (traduzione e nota introduttiva di Maria G. Di Rienzo)

La seconda settimana di marzo, una giovane donna di nome Dania ha pubblicato sul proprio canale di YouTube un video in cui recita una poesia in arabo. Successivamente ha pubblicato un secondo video in cui la recita anche in inglese. La poesia è sua, è il suo gesto di solidarietà con le donne egiziane che sono state sottoposte ai “test di verginità”, l’anno scorso, dai soldati che le arrestavano durante le proteste di piazza. I due video sono “privati” (dovete chiedere il permesso all’autrice per vederli) ma il testo è stato fatto circolare liberamente. Eccolo:

Non sei riuscito a trovare la paura che cercavi nei miei occhi,
così mi hai aperto le gambe per vedere se la trovavi nella mia vagina.
Cosa hai visto là dentro?
Hai udito le urla di quelli che hai torturato?
Hai udito le anime di quelli che hai ucciso?
Hai visto la mia vagina guardarti dritto negli occhi e dirti di andare a farti fottere?
Hai visto il mio sogno di una vita migliore nel suo primo trimestre?
Hai visto quanto resistente è?
Hai visto il sole di un domani migliore splendere da essa?
Scommetto che non sei riuscito a guardare direttamente la sua luce raggiante!
Cos’hai visto là dentro?
Ti sei accorto che la mia vagina ha arricciato le sue labbra e ti ha sputato in faccia?
Spingendo attraverso i soffici tessuti il rilascio di fuoco.
Hai dato una sbirciatina a quello che ti accadrà in futuro?
Ti sei spaventato?
L’hai vista, la Signora Giustizia, là dentro?
Hai visto come il mio utero ha preso la forma di una bilancia della giustizia,
con la verità da una parte e l’equità dall’altra?
Ma davvero pensavi che mi stavi umiliando?
Violando?
Oh, quanto ti sbagli, mio patetico caro!
Non c’è nulla al mondo che io volessi di più del farti vedere la rabbia che c’è in me,
e non c’è posto migliore per vederla che giù nel profondo dove stavi guardando.

Lascia un commento