Marcia per la vita, così sono stati reclutati ragazzi per la raccolta fondi

di Ambra Murè da Nuovo Paese Sera.it

Non c’erano solo gli anti-abortisti alla marcia per la vita. Mischiati in mezzo a loro, come rivelato da Paese Sera, anche giovanissimi “fundraiser”. Ecco cosa diceva l’annuncio, pubblicato su InfoJobs, col quale sono stati reclutati. L’ironia su Twitter: “Ah ecco, la marcia era contro la disoccupazione giovanile”

Non c’erano solo gli anti-abortisti alla marcia per la vita. Mischiati in mezzo a loro, come rivelato da Paese Sera, anche giovanissimi “fundraiser”. O “dialogatori”, come vengono elegantemente chiamati nel settore del no profit i ragazzi reclutati al solo scopo di raccogliere fondi. Anche le cause più nobili, si sa, hanno bisogno di un sostegno economico. E dal sacro al profano il passo è breve, specialmente se hai vent’anni e cerchi un modo per arrotondare la “paghetta” mensile che ti passano i tuoi. “Abbiamo visto questo annuncio su InfoJobs – hanno raccontato due studentesse fuori sede incontrate a via dei Fori imperiali – Sapevamo solo che si trattava di un lavoretto nel settore no profit. Abbiamo mandato il nostro curriculum e siamo state immediatamente contattate”. Quattro ore in piedi sotto un sole cocente per “37 euro”.

L’ANNUNCIO SUL WEB – È stato pubblicato il 4 maggio, ma si trova ancora on line, inserito sul portale più frequentato dai disoccupati italiani: InfoJobs. Eccolo l’annuncio col quale sono state reclutate le due ragazze (e, presumibilmente, non solo loro): “La filiale di Roma Anagnina dell’agenzia per il lavoro Orienta spa cerca, per associazione cattolica no profit, dialogatori per raccolta fondi da effettuare in occasione della marcia per la vita che si svolgerà nella mattina (orientativamente 9-13) del giorno 13-05-2012, che partirà da Colosseo per arrivare a Castel Sant’Angelo”. Un lavoretto semplice, ma comunque non adatto a tutti. Si richiedono infatti: “interesse per le tematiche umanitarie e no- profit, spiccate capacità comunicative, predisposizione al rapporto con il pubblico e al lavoro in team, determinazione e puntualità”. Il tutto per “35-40 euro netti”. “Ah, ecco – ironizza qualcuno su Twitter – la marcia era contro la disoccupazione giovanile”.

 

Lascia un commento