Solidarietà a Ilda Boccassini

Il Comitato di Torino “Se Non Ora Quando?” si unisce alla manifestazione di solidarietà  alla magistrata Ilda Boccassini espressa con il  Comunicato di GiULiA – Giornaliste Unite LibereAutonome

Il metodo del fango colpisce ancora. Ancora un giornale di proprietà di Berlusconi, “Chi”. E una donna magistrata, Ilda Boccassini, messa nel mirino. Pedinata, fotografata di nascosto mentre passeggia, violata nella sua privacy. E messa in pagina, in un servizio senza notizie corredato di didascalie ridicolizzanti. Esposta al dileggio.

Come nel caso Mesiano, il giudice del lodo Mondadori che fu filmato e ridicolizzato per il colore dei suoi calzini blu; e mandato in onda su Canale 5.

Stavolta sono le calze di Ilda, donna di legalità, ad essere sventolate e messe nel frullatore. Una magistrata titolare di importanti inchieste contro la criminalità e pm nel processo Ruby che vede imputato lo stesso Berlusconi. Impegnato in una campagna elettorale a tutto schermo.

GIULIA considera questo servizio non uno scoop giornalistico, ma un atto vile. Una riprova del conflitto di interessi.

E pone la stessa domanda fatta per il giornalista Brachino nel caso Mesiano: esiste una deontologia dell’informazione? Si può fare?

Per quel servizio, Brachino è stato sospeso dall’Ordine. Ma il metodo del fango si rimette in moto. La solidarietà delle Giornaliste di Giulia va a Ilda Boccassini.

Ai colleghi e alle colleghe dell’Ordine dei giornalisti chiediamo di occuparsi di questo caso e di prendere le distanze da questi metodi che offendono il giornalismo di questo Paese.

GiULia – Giornaliste Unite Libere Autonome

 

21 dicembre 2012 |

Lascia un commento