NON POSSIAMO PIU’ ATTENDERE

Lo stiamo dicendo da tanto, troppo tempo: ma siamo inascoltate!

La violenza sulle donne è diventata un’emergenza  pressante ed improrogabile per il nostro Paese.

E non parliamo solo del femminicidio: l’espressione  più efferata della sopraffazione da parte degli uomini sulle donne. Violenza sono anche le minacce di morte e le anonime offese sessiste comparse sul web contro Laura Boldrini,  Presidente della Camera. Violenza sono anche gli insulti e le ingiurie rivolte alla Ministra Cecile Kyenge per il colore della sua pelle. Violenza sono anche tutte le discriminazioni di cui le donne sono ancora fatte oggetto in Italia,  così numerose e così gravi in tutti gli ambiti, e  tali  per cui non può sfuggire il nesso fra queste e il fenomeno della violenza stesso.

Noi chiediamo alla politica e a questo Governo di affrontare questa emergenza con misure concrete, urgenti e indifferibili, dichiarando ufficialmente che è lo Stato che deve farsi carico di un problema che non è privato, ma pubblico. Impegnando le risorse necessarie, che vengono normalmente trovate nei casi di disastri o di catastrofi naturali, e che devono essere investite sia per il contrasto e la  protezione delle vittime che si attua con il sostegno permanente dei Centri Antiviolenza esistenti, sia per la pianificazione della prevenzione  dal punto di vista culturale.

In questo particolare momento  riteniamo che il  Ministero delle Pari Opportunità, avrebbe avuto la necessità  di avere più dignità, forza e peso con una  Ministra dedicata solo a questo tema. Rileviamo, invece che  dopo il corretto  ed inevitabile ritiro delle deleghe al Sottosegretario  precedentemente nominato, rimane attualmente l’unico Ministero  privo di responsabile del dicastero, nonché “senza portafoglio”, che è circostanza drammatica, nella sua totale mancanza di autonomia operativa.

Una società diversa, costruita sulla solidarietà tra generi e generazioni, in cui convivono differenze, eguaglianze, pari opportunità: che garantisca  una piena cittadinanza è il terreno da cui partire per affrontare questa emergenza.

Ribadiamo  che  la violenza contro le donne non è un affare “femminile”,  né uno slogan pre-elettorale: è una questione di democrazia negata che si combatte con trasformazioni culturali, capaci di diffondere l’affermazione della legalità, dei diritti, delle libertà e del reciproco riconoscimento dei generi e con la promozione di un’educazione alla parità  sin dalla scuola primaria.

Non possiamo più attendere!

Se Non Ora Quando  Comitato di Torino – Associazione Telefono Rosa Piemonte  –  Donne in difesa della società civile –  Casa delle Donne di Torino – Donne & Futuro   –  Associazione  Alma Terra – CGIL Torino – CGIL Piemonte – CISL Torino  – CISL Piemonte – UIL Torino – UIL Piemonte –  SPI  CGIL Provinciale  Torino – Coordinamento Donne SPI  Torino – FILCAMS Torino – FP Funzione Pubblica Torino – SLC Torino –   Giuristi Democratici –  Cittadinanza onlus Piemonte –  Gruppo Donne della Val Pellice Torino e Provincia – Associazione Villa 5 -Associazione Scambiaidee – Associazione Progettarsi – AS.SO Associazione Solidale – Associazione Archimente – ABDEP Associazione Benessere Donna ed Endometriosi Piemonte – La Rete delle Donne di San Maurizio – Associazione Svolta Donna onlus – A.Do.C. Associazione Donne Capofamiglia – Spazio Donne della Cascina Roccafranca – Centrodonna Circ.6. –  Gruppo Donne Credenti –  Mai più sole  centro antiviolenza donna – Associazione Rosso Ideale – Coordinamento Donne FISAC CGIL Torino e Piemonte -Teatro Reginald – Centro di dama terapia – Asociación Universitaria Interamericana (A.U.I. Caracas) – Amnesty International Circoscrizione Piemonte Valle d’Aosta – Ass.Me.Dia.Re – CCM Comitato Collaborazione Medica – Fermata d’Autobus Associazione Onlus – Cerchio degli uomini -Centro SVS di Torino – La Consulta Femminile Comunale di Torino

Commenti chiusi.