Due parole… su Potere alla Parola!

di Cinzia Ballesio

A qualche giorno dalla chiusura del Salone del Libro mi sembra utile fare alcune considerazioni.
E’ stata veramente una buona idea essere presenti con un piccolo spazio insieme ad Amnesty International e l’incontro Potere alla Parola di domenica 19 è stato intenso ed emozionante.
Qualche dato?
143 le parole inviate dagli studenti di 14 scuole di Torino, Orbassano, Cuneo, Biella, Ferrara, Pordenone…
27 le parole inviate da artisti e scrittori
una trentina di parole lette dal palco dell’Arena Bookstock dagli studenti e dagli artisti con una appassionata Loredana Lipperini
450 le persone e circa 40 le scuole che hanno lasciato le loro mail per ricevere informazioni sulle attività di Snoq? e sul progetto Potere alla Parola per l’anno scolastico 2013/2014…
… ma non è finita perché le parole continuano ad arrivare via mail e su bookblog,salonelibro.it sono pubblicate le fotografie di molti che hanno voluto partecipare…
L’entusiasmo degli studenti, degli insegnanti, degli artisti e degli scrittori che hanno portato la loro parola contro la violenza, l’arena del Bookstock Village affollatissima e l’interesse manifestato dalle molte persone che si sono fermate allo stand e che in questi giorni contattano SNOQ? via mail sono la conferma di un lavoro che va nella direzione giusta e risponde ad un sentire comune di molte e molti.
Un lavoro ancora lungo verso la parità di genere anche per il Salone del Libro… se tra i partecipanti , autori, relatori e moderatori solo il 30% circa è costituito da donne ( 713 su 2252 secondo quanto pubblicato nel catalogo)!
Scrivono gli allievi di una scuola media inferiore di Cuneo: ” I diritti di donne e uomini hanno lo stesso valore: scrivere, studiare, giocare leggere, parlare, vivere, sperimentare, amare…essere quello che siamo e che vogliamo. Il nostro diritto dobbiamo e vogliamo sostenerlo insieme, perché INSIEME siamo più forti. Forza: insieme cambieremo la società Bisogna crederci e cominciare. ”
E’ un messaggio che non ha bisogno di commento e sottolinea come la scuola, sempre più sottovalutata e svilita, sia uno dei luoghi fondamentali per cominciare un cambiamento vero del paese e Potere alla Parola cercherà di portare il suo contributo.
Non resta che rimettersi al lavoro per realizzare al meglio il progetto in vista della sua conclusione al prossimo Salone del Libro dove sarebbe bello vedere aumentare la partecipazione femminile….

24 maggio 2013 |

Commenti chiusi.