Un successo per Milano e per le donne

Associazione “Casa delle donne di Milano”

Un successo per Milano e per le donne

 

Una splendida notizia: finalmente anche Milano avrà la Casa delle donne, come moltissime città in Europa e nel mondo. Lunedì 17 giugno abbiamo saputo che il nostro progetto ha vinto il bando indetto dal Comune di Milano per la gestione dello spazio di via Marsala, destinato appunto alla Casa. Siamo arrivate fin qui grazie a un percorso iniziato due anni fa con i Tavoli delle donne, nati su invito di Anita Sonego, presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano.

Una pratica di partecipazione e confronto che si è sviluppata attorno ad alcuni temi di interesse collettivo come gli spazi, il lavoro e la salute, da un punto di vista di genere.

In particolare noi del Tavolo Spazi abbiamo sin dall’inizio individuato come primo obiettivo la progettazione di uno spazio comune per le donne in questa città, interpretando un desiderio da lungo tempo espresso dai movimenti milanesi e mai sinora realizzato. Ci siamo quindi costituite in Associazione di promozione sociale, un passo rivelatosi necessario per interloquire con l’Amministrazione e partecipare al bando comunale.

La nostra Associazione conta già circa 350 iscritte, ed è solo l’inizio. Questo successo ci emoziona e ci rende molto felici, ma anche consapevoli dell’impegno che ci assumiamo nei confronti di tutte le donne della città, con cui vogliamo al più presto condividere il progetto e gli obiettivi, aprendo lo spazio della Casa alla più ampia partecipazione, affinché possa rappresentare un vero punto di riferimento per ognuna e per tutte.

Se oggi il “sogno” di una Casa per le donne a Milano può diventare realtà, lo dobbiamo anche al sostegno di alcune donne delle istituzioni: oltre ad Anita Sonego, Daniela Benelli, Lucia Castellano, Marilisa D’Amico, Ada De Cesaris, Patrizia Quartieri, Francesca Zajczyk.

Per info: casadonnemilano@gmail.com, www.casadonnemilano.blogspot.it, www.facebook.com/CasaDelleDonnediMilano

 

 

Commenti chiusi.