Il nostro Comunicato a proposito del disegno di legge sulle disposizioni per il contrasto alla violenza di genere

Noi donne di SE NON ORA QUANDO, come moltissime altre, viviamo un vivace ed approfondito dibattito sulle questioni sollevate dal DL sicurezza varato nel mese di agosto e contente norme in materia di violenza nei confronti delle donne, dibattito reso ancora più vario dal carattere di pluralità che ci contraddistingue.
In accordo con le indicazioni emergenti dal trattato di Istanbul, dalla convenzione NO MORE, dal rapporto CEDAW e da tutta la ricca elaborazione che arriva da anni di lavoro sul campo da parte di operatrici e donne competenti osserviamo quanto segue:
Così come già sostenuto nella nostra campagna ‘mai più complici’ e in tutti gli interventi che i comitati territoriali hanno portato avanti, la soluzione del problema costituito dalla violenza di genere non può che nascere dal riconoscimento che la questione non è emergenziale ma culturale e deve essere affrontata con un’ottica di educazione alla differenza di genere, alla prevenzione, alla autodeterminazione della donna.
Il termine femminicidio – che il movimento ha contribuito a diffondere – ha una sua cruciale importanza e deve essere adottato dalle istituzioni e dalla società tutta a significare la comprensione e la metabolizzazione del fatto che le donne vengono uccise ‘in quanto donne’ e non per inesistenti questioni ‘passionali’.
In questo senso le conclusioni del processo per l’uccisione di Stefania Noce che introducono per la prima volta nelle motivazioni di una sentenza il termine femminicidio e che condannano all’ergastolo in prima istanza l’assassino per premeditazione sono emblematiche della direzione che la giustizia e la applicazione della legge debbano prendere nel nostro paese.
Di fondamentale importanza, inoltre, è il lavoro che i centri antiviolenza e gli operatori tutti stanno portando avanti perché le donne raggiungano una sempre maggiore consapevolezza ed autonomia attraverso un piano di contrasto alla violenza declinato in ogni possibile forma di ‘accompagnamento’ nel percorso di fuoriuscita dalla violenza stessa.
Questo significa dunque che la presenza dello Stato all’interno della battaglia contro la violenza di genere non può che prevedere un robusto intervento di sostegno alla rete dei centri, alle campagne di informazione ed educazione a partire dai giovani e giovanissimi, ad un piano complessivo e generale che comprenda anche un potenziamento delle possibilità occupazionali che rendano le donne maggiormente indipendenti e quindi meno ricattabili.
Esiste una legge, la 154/2001, che prevede già moltissimi interventi a contrasto della violenza domestica e non, integrata dalle successive specifiche contro lo stalking ma che purtroppo non viene sufficientemente applicata.
Il DL sicurezza si inserisce certamente in un momento in cui il femminicidio, per i moltissimi casi che purtroppo si registrano quasi quotidianamente e per l’attenzione diversa che anche i media vi riservano, comincia ad essere percepito anche dall’opinione pubblica come espressione di una violenza tutta maschile perpetrata contro le donne. In questo senso riteniamo che il DL abbia, quindi, il merito di richiamare all’attenzione della politica e del paese tutto il problema della violenza e ci auguriamo possa fornire reali strumenti per un’ applicazione più rigorosa della la legge154/2001.
Nondimeno nel DL sono contenuti alcuni elementi che ci preoccupano e che riteniamo presentino forti criticità:
non c’è un impegno concreto ad investire in percorsi educativi e formazione;
non si prevedono finanziamenti ai centri antiviolenza e alle reti di supporto alle donne;
non si parla di centri di ascolto o percorsi formativi per gli uomini maltrattanti;
entrando poi nel merito di alcuni punti del decreto, osserviamo che:
la non revocabilità della querela da parte delle donne offese è un’arma a doppio taglio. Potrebbe essere applicata in maniera responsabile solo se si garantisse concretamente alle donne che le violenze non continuino, ma questo può avvenire solo se viene finanziata e fatta crescere la rete di supporto alle donne in ogni momento del percorso di distacco.
l’inasprimento della pena di un terzo nei casi in cui le violenze vengano perpetrate da un coniuge/partner rispecchia la frequenza dei femminicidi che avvengono in ambito domestico, ma rischia di discriminare tutte le altre situazioni di violenza.
Osserveremo dunque con interesse il prossimo percorso del decreto, augurandoci che le istituzioni vogliano accogliere insieme alle nostre le osservazioni che giungono da tutto il mondo femminile e da numerose voci competenti; non c’è possibile sconfitta della violenza di genere senza un ampio lavoro culturale, preventivo, educativo.

SNOQ TIGULLIO,
SNOQ CITTADELLA,
SNOQ VENEZIA,
SNOQ NAPOLI,
SNOQ ANCONA 13 FEBBRAIO,
SNOQ TORINO,
SNOQ ROMA,
SNOQ SAN DONA’ DI PIAVE,
SNOQ FACTORY,
SNOQ BOLZANO AA EIZ,
SNOQ LODI,
SNOQ LOMBARDIA,
SNOQ FIRENZE,
SNOQ CERVETERI,
SNOQ SAN BENEDETTO DEL TRONTO
RETE DONNE SNOQ CREMONA,
SNOQ SALERNO,
SNOQ LIVORNO,
SNOQ PORDENONE,
SNOQ TERAMO,
SNOQ OSIMO,
SNOQ REGGIO CALABRIA,
SNOQ UDINE,
SNOQ CAVA DE’ TIRRENI,
SNOQ CAGLIARI
SNOQ MASSA,
SNOQ VALLO DI DIANO,
SNOQ CUNEO,
SNOQ PISA,
SNOQ CHIETI,
SNOQ SAPRI,
SNOQ PULSANO,
SNOQ SANITA’,
SNOQ PIOLTELLO,
SNOQ MANTOVA,
SNOQ LA SPEZIA,
SNOQ TRENTINO

Commenti chiusi.