Conferenza delle donne Siriane

UN WOMEN Italia – 14 gennaio 2014

La Conferenza delle donne Siriane, convocata da UN Women e i Paesi Bassi, si conclude con forti raccomandazioni per imminenti negoziati di pace

Ginevra, 14 gennaio
L’incontro per sostenere la partecipazione e la voce delle donne nel processo di pace siriano, convocato a Ginevra da UN Women assieme al governo dei Paesi Bassi, è terminato oggi con una dichiarazione da parte delle donne siriane attiviste della società civile.

La dichiarazione sollecita il sostegno del processo politico, invitando tutte le parti a superare le divergenze per raggiungere un accordo per una Siria libera, pluralista e democratica, che rispetti i diritti umani, compresi i diritti e la parità tra uomini e donne; inoltre, coloro che hanno il potere decisionale sono invitati a rispettare il diritto delle donne siriane alla loro piena partecipazione politica in tutte le questioni riguardanti la formazione del futuro del loro paese.

“Non possiamo rimanere in silenzio sugli eventi in Siria, come le morti quotidiane, la distruzione di massa, la fame, lo sfollamento di centinaia di migliaia di famiglie (in Siria e all’estero), e la diffusione del terrore, violenza, detenzioni, atti di sequestro, distruzione delle infrastrutture e la diffusione di malattia, soprattutto tra i bambini” ha detto Sabah Alhallak, che insieme ad altre donne siriane, ha partecipato ad un incontro con i media.

Phumzile Mlambo-Ngcuka, Direttrice Esecutiva di UN Women, dopo aver ringraziato le partecipanti che hanno percorso lunghe distanze, con grandi rischi personali, per essere presenti alla conferenza, ha dichiarato: “Queste donne hanno lavorato giorno e notte per individuare soluzioni per riportare la sicurezza, i diritti e la dignità al popolo siriano”. Ha aggiunto che le donne hanno un ruolo fondamentale nel creare le basi per una pace e una Siria pluralista basata sulla democrazia e rispetto dei diritti umani. UN Women continuerà ad essere una partner forte per le donne siriane per sostenere e dar voce alle loro iniziative di pace nel processo politico.

La conferenza fa parte degli sforzi a lungo termine di UN Women a sostegno delle donne siriane e della loro partecipazione attiva nella società civile nel processo di pace siriano.
Anche l’Inviato Speciale delle Nazioni Unite e della Lega Araba per la crisi in Siria, Lakhdar Brahimi, ha partecipato alla conferenza e, incoraggiando le donne siriane presenti, ha sostenuto l’importanza di ascoltare le loro voci e di includere le donne nei difficoltosi processi di pace.

Commenti chiusi.