Non possiamo più attendere!

COMUNICATO DI SE NON ORA QUANDO? SULLA RIFORMA DELLA LEGGE ELETTORALE

Non possiamo più attendere!
Siamo preoccupate per le modalità e i toni con cui si sta affrontando il tema della riforma della legge elettorale, e ci pare che la discussione sia più incentrata sui vantaggi che le singole forze politiche trarrebbero nell’immediato dall’adozione di questo o quel sistema elettorale, più che dal reale interesse per il bene comune del Paese e dalla determinazione di scrivere regole che restituiscano ai cittadini e alle cittadine un vero potere di scelta.
Un segnale chiaro dell’insufficiente ascolto è la scarsa attenzione al tema della democrazia paritaria, da parte di quasi tutte le forze politiche
L’ “Accordo di azione comune per la democrazia paritaria”, sottoscritto da oltre 50 Associazioni , e che da anni chiede di introdurre nelle disposizioni elettorali, norme di garanzia che favoriscano la elezione delle donne, indipendentemente dal sistema elettorale di riferimento sottolinea che:
“Se nel nuovo Parlamento ci sono più donne tra gli eletti, ciò non è avvenuto grazie alla legge, ma malgrado la legge, per le scelte di alcune formazioni politiche di scegliere le candidature attraverso elezioni primarie, con l’uso della doppia preferenza, o designazioni on line. La presenza di un maggior numero di elette ha influito sull’agenda del Parlamento e ha accresciuto l’attenzione sui problemi drammatici di cui oggi sono vittime le donne nel nostro paese: la disoccupazione, la precarietà, la disparità salariale, i licenziamenti per matrimonio o maternità, la mancanza di servizi per la famiglia, la violenza, il femminicidio, la distorsione dell’immagine femminile. Anche per questo riteniamo indispensabile assicurare la presenza paritaria delle donne in Parlamento.”
Siamo determinate a pretendere che nella legge siano indicate precise azioni per assicurare, quale che sia il sistema elettorale prescelto, norme che garantiscano una presenza paritaria delle donne .
Chiediamo a tutte le forze politiche un’assunzione di responsabilità per rendere finalmente compiuto il nostro sistema rappresentativo.
Si tratta di una “emergenza” democratica : va trattata come tale.
In caso contrario sarà una sconfitta che pagherà tutto il Paese, non solo le donne!
SE NON ORA QUANDO?

Commenti chiusi.