Venere Spenta Tutte le donne di Fassbinder

«Trovo che la donna, il comportamento forzato della donna nella società, dica molto di più su questa società che gli uomini, che il comportamento degli uomini, i quali preferiscono vivere come se tutto andasse bene. Le donne sentono in maniera più veloce, in modo più preciso, molto prima, che qualcosa non può funzionare, che non va.»

«Sono critico nei confronti delle donne quanto lo sono nei confronti degli uomini. Il punto è che credo di poter esprimere meglio ciò che voglio dire quando uso un personaggio femminile come centro. Le donne sono più interessanti, poiché da un parte sono oppresse, e d’altra parte non lo sono veramente, perché usano questa “oppressione” da un punto di vista terroristico. Gli uomini sono così semplici: sono più banali delle donne.»
Rainer Werner Fassbinder

Per la Festa della Donna,
AIACE propone un viaggio alla ricerca delle principali figure femminili raccontate da Rainer Werner Fassbinder.

Molte le veneri ritratte dal regista, e spogliate di ogni pelliccia: nude, tragiche, dolcissime, abbandonate.
Un viaggio alla ricerca delle principali figure femminili raccontate dall’artista tedesco, con un’attenzione particolare ai meccanismi della scrittura, alle tecniche scenografiche di messa in scena e alle idee di regia che ne caratterizzano l’opera in modo originale e inconfondibile.
Una lente straordinaria per osservare tutte le fragilità del mondo femminile, ma anche le risposte delle donne a un sistema sociale che ne prevede, in epoche diverse, la puntuale oppressione.

Uno sguardo in profondità per far emergere la poetica di un autore secondo il quale il personaggio femminile rappresenta un “centro” del racconto decisamente più stimolante per raccontare le esperienze della vita.

Venerdì 7 Marzo, ore 18:30-22:00
La costruzione del personaggio femminile: un’antologia.
Tecniche di presentazione, caratterizzazioni, modelli cinematografici e letterari.

Sabato 8 Marzo, ore 10:00-13:00
I caratteri femminili come strumenti di osservazione di differenti epoche culturali: mode, stili e valori a confronto.

Sabato 8 Marzo, ore 14:30-18:00
La lezione di Fassbinder nel cinema contemporaneo: “i film liberano la testa”.

Docenti: Michele MARANGI e Umberto MOSCA
Giorni e orari: venerdì 7, sabato 8 marzo

Costo: 55,00 euro (per le Tesserate Aiace 2014: 50,00 euro )

L’affiliazione AIACE è condizione per l’accesso alla Scuola di Cinema. Il tesseramento può avvenire in orario d’apertura della Segreteria (Galleria Subalpina 30 da lunedì a venerdì dalle 15.30 alle 18.30), presso le sale d’essai o nelle librerie Comunardi di via Bogino 2 e Celid Palazzo Nuovo.

È necessario riservare uno o più posti prescrivendosi tramite mail all’indirizzo segreteria@aiacetorino.it.

Per informazioni:
Ref. Luca Bugnone, tel. 011 538962 | 011 5067525
segreteria@aiacetorino.it

Commenti chiusi.