I giornali mandano in passerella il giuramento delle neoministre

Politica femminile – Il femminile nella politica 23 febbraio 2014

Battuto abbondantemente il tasto dell’inesperienza e dell’incompetenza delle neo ministre, in cerca di “notizie” fresche, i giornali ci raccontano il giuramento del nuovo governo trasformandolo in una ridicola e imbarazzante (per chi la scrive e per chi la legge) sfilata di moda.
Il linguaggio del giornalismo politico e di quello della moda si mescolano: diventano un giallo il colore della giacca della ministra della Salute; uno scivolone gli stivali della ministra ai rapporti con le Regioni; uno scontro tra calze velate e coprenti. Si intervistano “esperte” per il taglio dei pantaloni (troppo stretti o troppo larghi), si stilano le pagelle delle ministre in base al guardaroba.
Di fronte a un governo che per la prima volta è composto da metà uomini e metà donne, i grandi giornali – chissà se per stupidità, stizza o misoginia – mandano in edicola e online il peggio degli stereotipi di genere.
Per par condicio e completezza dell’informazione vorremmo un chiarimento: le cravatte dei ministri della Giustizia e dell’Agricoltura erano bordeaux o rosso veneziano? E la differenza tra le scelte cromatiche dei due ministri, rispetto ai loro colleghi e soprattutto al premier, dobbiamo interpretarle come “prime crepe” nell’esecutivo? Urge un editoriale, perché i lettori devono sapere!

SeNonOraQuando? Donne e informazione

Commenti chiusi.