Come sarebbe la politica senza gli uomini

Una campagna, attraverso un ritocco delle immagini con Photoshop, mostra quante poche siano le donne nelle istituzioni

La discriminazione di genere è uno dei principali problemi all’ordine del giorno per quanto riguarda il mondo lavorativo e politico. Tutt’oggi le donne sono svantaggiate sul posto di lavoro per qualità dell’impiego, paga e numero di partecipazione.

Un nuovo rapporto del giornale Los Angeles Times dichiara che l’industria tecnologica ha il più alto tasso di discriminazione di genere. Non solo la proporzione tra uomo e donna è di sette su tre, ma le poche donne che lavorano nell’industria vengono trattate in maniera diseguale dagli uomini e spesso la loro preparazione è messa in dubbio. Questo il motivo per cui un numero sempre più elevato di donne abbandona la propria carriera in ambito scientifico o tecnologico.

Le immagini di presentazione del progetto sono state modificate con photoshop, programma di grafica, perché vengano tolti tutti gli uomini presenti nello scatto. L’idea è quella di mostrare ciascuna foto prima e dopo la modifica per mostrare quanto sia ridotto il numero di donne presenti. Si può notare come, una volta usato photoshop, le stanze affollate diventino improvvisamente vuote perché rimangono solo poche donne, da una a tre di numero.

Il messaggio trasmesso da Elle UK è che, in una società moderna, è necessario che le donne non siano un’eccezione all’interno di un’azienda, ma la normalità.

In risposta a questi dati, la rivista britannica Elle UK ha avviato una campagna di sensibilizzazione dal nome #MoreWomen con l’obiettivo di supportare le donne che hanno raggiunto importanti posizioni lavorativa e istituzionali nonostante il sessismo.

 

 

http://www.tpi.it/mondo/regno-unito/la-discriminazione-di-genere-denunciata-con-photoshop/la-politica-mondiale-dopo-photoshop

Commenti chiusi.