Campagna di crowdfunding a sostegno di donne e bambine vittime di violenza in Afghanistan

C.I.S.D.A. Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane

Per fare concretamente qualcosa per  le donne afghane leggete questo progetto:

#maipiùsole, un progetto di valore: per le singole donne, per tutte le donne

È partita la campagna di crowdfunding a sostegno di donne e bambine vittime di violenza in Afghanistan

La tua donazione, anche piccola, farà la differenza!

Il costo totale dell’intervento ammonta a 30.000 euro

È possibile versare il proprio contributo sulla piattaforma di Produzioni dal Basso https://www.produzionidalbasso.com/project/afghanistan-a-sostegno-di-donne-e-bambinevittime-di-violenza/

nella quale abbiamo caricato tutti i materiali realizzati per la campagna.

Sono anche previsti dei riconoscimenti speciali per i donatori e le donatrici più generosi.

Ci dai una mano?

Ogni contributo sarà indispensabile per farcela.

ll progetto di crowdfunding “ Assistenza Legale per donne vittime di violenza ed empowerment delle comunità locali” prevede la prosecuzione delle attività del Centro Legale di Jalalabad già finanziato precedentemente da fondi privati. L’obiettivo principale è quello di attuare una serie di interventi finalizzati alla lotta alla violenza nei confronti delle donne, da un lato promuovendo il loro empowerment sociale, economico e legale e dall’altro sostenendo l’affermazione della cultura dei diritti umani delle donne attraverso l’educazione alla legalità e il rafforzamento del sistema di giustizia. In particolare, il sostegno riguarderà l’assistenza legale, nonché il trattamento psicologico, necessari affinché le vittime possano essere messe nelle condizioni di poter tornare a casa, per essere reintegrate nella propria famiglia o essere assistite in tribunale per chiedere giustizia.

Qualora tra le assistite si rilevassero casi di particolare gravità, le donne in pericolo saranno trasferite nella casa protetta che Hawca gestisce a Kabul, un rifugio sicuro e temporaneo per proteggere le donne a rischio. Parallelamente, il crowdfunding si propone di promuovere una formazione in materia di diritti umani, così come fatto sino ad oggi con l’attivazione di tirocini dei giovani laureati e la formazione di studenti della facoltà di giurisprudenza.

La prosecuzione del progetto consentirà dunque di consolidare i risultati raggiunti nell’affermazione della cultura dei diritti umani e di continuare a sostenere la lotta alla violenza contro le donne. Sarà possibile continuare a fornire gratuitamente assistenza legale, psicologica e sanitaria quando necessario, e le donne saranno supportate in tribunale per ottenere giustizia e un risarcimento per i crimini subiti.

qui informazioni sul C.I.S.D.A.

Commenti chiusi.