#GIU’ LE MANI DALLA CASA: neanche il DASPO ci ferma!

Laura Onofri

Non volevo crederci finchè non ho letto il documento che più in basso  trascrivo.

Trattare le Donne che sono andate in Consiglio Comunale  a manifestare per la chiusura della Casa Internazionale delle Donne come i peggiori hooligans che compiono atti di violenza negli stadi è veramente incredibile.

Quanto accaduto a Roma, alle donne della Casa Internazionale delle Donne  è un tentativo di imbavagliamento di chi si oppone, di chi manifesta, di chi ha solo la forza della sua voce per contestare, protestare, dissentire sulle decisioni politiche.

Attenzione..la nostra libertà di espressione e di critica sta subendo un graduale, impercettibile ma ugualmente preoccupante condizionamento.

Ed è altresì preoccupante che questa notizia non abbia avuto molto risalto fra i media nazionali. Facciamola girare.

Ci vogliono: mute ferme immobili silenziose accondiscendenti prone remissive sottomesse…, ma non conoscono le donne…zitte non staremo e neanche ferme…continuiamo a lottare per  la Casa Internazionale delle donne.

“DASPO alle donne della Casa Internazionale delle Donne che, durante il Consiglio Comunale, in occasione della Presentazione della mozione Guerrini protestavano chiedendo di essere ascoltate.

Polizia Locale di Roma Capitale Sezione Aree Capitolina c.a. Dott.ssa Anna Maria Damiani 
Servizio di Guardaportone Palazzo Senatori
E p.c. Vicecapo di Gabinetto della Sindaca Dott. Marco Cardilli
Oggetto: provvedimento di esclusione dall’aula Giulio Cesare.
In data 17 maggio 2018, durante lo svolgimento dell’Assemblea Capitolina, un gruppo di cittadini presenti in aula ha posto in essere comportamenti tumultuosi. consistenti in urli. gesti e schiamazzi rivolti ai consiglieri capitolini; il consiglio veniva ripetutamente interrotto, per l’impossibilità di proseguire i lavori d’aula – in particolare, durante una sospensione della seduta alcuni manifestanti accedevano nell’emiciclo, poi prontamente accompagnati fuori dal personale della polizia locale presente in aula che ha provveduto ad identificarli.
Ciò premesso, acquisita la relazione del funzionario in servizio del Corpo di Polizia Locale dott.ssa Annamaria Damiani e visto il Regolamento vigente dell’Assemblea Capitolina:. art. 33 comma 6 in materia di “disciplina del pubblico”

SI DISPONE 
il provvedimento di esclusione dall’Aula Giulio Cesare relativamente alla Sig.ra ——– , per un periodo di tre mesi e con decorrenza immediata. 
Cordialmente 
Il Presidente dell’Assemblea Capitolina 
Marcello De Vito”

Commenti chiusi.