Solidarietà e affetto a Monica Cirinnà

Laura Onofri

Monica Cirinnà è una donna forte, solare e coraggiosa e lo ha dimostrato in tanti ambiti e in tante occasioni della sua vita pubblica e privata.

E la risposta che ha dato all’hater che le augurava un carcinoma polmonare che la maciullasse lo dimostra: “Grazie!! Ma stia tranquilla sono stata operata già 2 volte alla mammella sinistra e sono ancora qui. Conosco il dolore e la paura di morire. Piuttosto lei rifletta su quanto odio ha dentro di sé, quello si che può farle del male. Io la ignoro felicemente!”. 

E non sfugge che più le donne sono libere, forti e indipendenti anche nella loro azione politica, più si inasprisce contro di loro la violenza, l’umiliazione e la sopraffazione, spesso agita anche da donne.

L’escalation dell’odio sui social, come ci conferma il rapporto della Commissione Parlamentare “JO COX” su fenomeni di odio, intolleranza, xenofobia e razzismo è in continuo aumento : la rete e i social media sono invasi da insulti, volgarità, diffamazioni.

Non smetteremo mai di affermare che la libertà delle donne e la loro forza,  qualità insopportabili nella cultura misogina,  in cui ancora siamo sprofondati,  sono invece necessarie a tutti gli uomini e a tutte le donne che vogliono per il nostro Paese un futuro migliore.

Siamo sicuri che queste offese non scalfiranno la tenacia e la caparbietà di Monica Cirinnà, a cui esprimiamo tutta la nostra solidarietà e il nostro affetto.

Siamo però convinte che non si debba rimanere inermi: bisogna iniziare a contrastare concretamente questi “leoni da tastiera” e SeNonOraQuando?Torino, sarà accanto a Monica se deciderà di denunciare perchè non basta la solidarietà che in questi casi si esprime a parole, bisogna iniziare ad agire con i fatti.

E crediamo sia doveroso farlo non solo per pretendere giustizia ma per mandare un messaggio forte a quelle donne che non hanno la sua forza e i suoi strumenti e che spesso non denunciano per paura, per vergogna, per solitudine.

Vogliamo far sapere a tutte le donne che subiscono qualsiasi violenza, qualsiasi insulto, qualsiasi umiliazione che non sono sole e che  ci sono altre donne pronte a sostenerle e a schierarsi con loro.

Commenti chiusi.