Ritorna la mostra fotografica “I was my husband”

Inaugura venerdì 18 settembre alle ore 19, presso la galleria Spazioraw di Milano, il progetto fotografico “I was my husband” con una selezione di scatti in bianco e nero e la presentazione dell’omonimo libro del fotografo Valter Darbe con i testi della giornalista Tiziana Montaldo e dell’attivista politica e scrittrice indiana Mohini Giri, candidata a premio Nobel per la Pace.

Le fotografie testimoniano un fenomeno sociale e culturale molto diffuso nel continente indiano nella religione induista, per cui una donna rimasta vedova perde qualsiasi avere e valore sociale. Considerate portatrici di sfortuna, sono isolate dalla vita pubblica e private dei loro affetti e delle loro proprietà, emarginate e discriminate, sono spesso obbligate a lasciare la loro abitazione per vivere in miseria, votandosi solo alla preghiera.

Le foto sono state realizzate nei centri pubblici e privati di Vrindavan, città santa per la religione induista dove numerose donne trovano rifugio in condizioni di grande vulnerabilità. Le strutture di accoglienza sono inaccessibili e, solo con permessi speciali, è stato possibile entrarvi per poter raccogliere le loro storie e ritrarle.

Alcune delle immagini dell’autore Valter Darbe, si sono aggiudicate numerosi premi al Photo Prix de la Photographie di Parigi 2019 dove il libro ha conseguito la medaglia di bronzo come miglior libro fotografico, il Malta International Photo Award 2018 e diverse immagini hanno conseguito numerose segnalazioni all’International Photo Award 2019. Il lavoro è stato anche esposto al 3° Festival dei diritti promosso dal Comune di Firenze in occasione della Settimana Internazionale contro la violenza sulle donne. Durante l’inaugurazione sarà presentato anche il libro fotografico che illustra il contesto di questo fenomeno (in Italia quasi sconosciuto) che riguarda 42 milioni di indiane, delle quali 1 milione vive in condizioni di profonda privazione, oggi ulteriormente aggravata dalla pandemia.

Ciò vuole essere anche uno spunto di riflessione sulle vulnerabilità in generale: quella delle donne in particolare, anche giovani, prive indipendenza economica e istruzione che diventano facilmente “vittime” e quella degli anziani in situazioni di carenza di servizi pubblici a loro dedicati (sanitari, assistenziali, psicologici).

I was my husband è promosso dall’associazione culturale Six Degrees ed è patrocinata da Guild for Sevice, l’ONG indiana che dagli anni Settanta si batte per i diritti e l’assistenza legale delle vedove indiane e l’associazione Se Non Ora Quando? Torino che la lotta per la parità di genere e contro la violenza e la discriminazione delle donne.

Al vernissage saranno presenti agli autori Valter Darbe e Tiziana Montaldo. L’accesso alla mostra osserverà tutte le disposizioni vigenti in materia di prevenzione al Covid 19.

Per rispettare il distanziamento sociale, all’inaugurazione della mostra sarà consentito l’accesso solo previa registrazione, in fasce orarie da 30 minuti. Per partecipare la vernissage scrivere a info@spazioraw.it, oppure telefonare al 02.49436719 nel seguente orario, 15-19.

Commenti chiusi.