Da Cenerentola a Cappuccetto Rosso, la Francia dice no alle favole sessiste

La Stampa – 08 ottobre 2015 – Paolo Levi
La ministra francese dell’Istruzione Najat Vallaud-Belkacem ha annunciato
la caccia agli stereotipi di genere nei manuali scolastici, a cominciare
dai classici per l’infanzia

«Tenere lontano quei libri dalla portata dei bambini!»: no, non si tratta di
Cinquanta sfumature di grigio o di chissà quale altro Best-seller a sfondo erotico. Ma di Cappuccetto Rosso, Cenerentola, Hansel e Gretel, i grandi classici della letteratura infantile che secondo alcuni esperti
francesi sarebbero zeppi di contenuti sessisti. A Parigi, la ministra
dell’Istruzione, Najat Vallaud-Belkacem, ha annunciato la caccia agli
stereotipi di genere nei manuali scolastici. Leggi il resto »

Gli scrittori al sindaco anti «libri gender»: adesso ci metta tutti al bando

Corriere della sera – La 27 ora   13 luglio – Elena Tebano

Solo poche righe dirette al primo cittadino di Venezia Luigi Brugnaro: «Signor sindaco, cortesemente bandisca anche i nostri libri. Non vogliamo stare in una città dove vengono banditi quelli di altri». E poi le firme di 236 autori, tra i quali Michela Murgia, Massimo Carlotto, Altan, Piergiorgio Odifreddi, Loredana Lipperini e molti scrittori di libri per bambini (come i promotori Andrea Valente e Matteo Corradini).

Dopo la petizione sottoscritta da trentamila persone e le prese di posizione di Amnesty Internationale degli editori italiani, è il mondo degli autori a intervenire contro Brugnaro, che tra i primi atti dopo l’elezione aveva annunciato di aver «fatto togliere tutti i libri “gender” dalle scuole». Leggi il resto »

I libri, di qualunque “gender”, si leggono… non si censurano!

Il nuovo sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha messo all’indice numerosi testi per bambini, in particolare “tutti i libri che parlano di gender, o di genitore 1 e genitore 2”.

La censura attuata dal sindaco comprende numerosi capolavori della letteratura per l’infanzia, come “Piccolo Blu e Piccolo Giallo” di Leo Lionni, “Il pentolino di Antonino” di Isabel Carrer, incentrato sul tema della disabilità, “Piccolo uovo” disegnato da Altan, che tratta di tutte le forme di famiglia attuali, incluse quelle omosessuali e arcobaleno. Leggi il resto »

Duecento letture in 320 classi torinesi e più di 7.300 studenti coinvolti per la prima edizione di “Libriamoci”

Torino, 4 novembre 2014

«Ho letto ai ragazzi del Liceo Umberto I di Torino pagine di Céline, Fenoglio e Primo Levi, e ho trovato una grande attenzione, a conferma di quel che già osserviamo ogni anno al Salone Internazionale del Libro: a buone proposte corrispondono ottime risposte – spiega Ernesto Ferrero
L’esperimento è dunque da ampliare e rendere sistematico, in ogni momento dell’anno».

Più di 200 letture in 85 scuole torinesi, 320 classi coinvolte e più di 7.300 studenti che da mercoledì 29 a venerdì 31 ottobre 2014 hanno ascoltato oltre 140 lettori (vip e non) leggere pagine di romanzi e racconti. Sono le cifre della tre giorni di Libriamoci a Torino, che ha fatto sfilare quasi 170 titoli della letteratura classica e contemporanea in asili, scuole primari e secondarie, licei, istituti professionali e istituti tecnici.  
Libriamoci è un’iniziativa ideata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – con
il Centro per il libro e la lettura – e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – con la Direzione Generale per lo studente. Libriamoci ha portato nelle scuole di tutta Italia scrittori, artisti, personalità del mondo dell’editoria, dei media e delle istituzioni, insieme con bibliotecari, insegnanti e volontari di tante associazioni per leggere brani dai loro libri preferiti.

A Torino l’iniziativa è stata curata dal Salone Internazionale del Libro, insieme con realtà diverse: il coordinamento di scuole Torino ReteLibri, Iter e le Biblioteche civiche della Città di Torino, il gruppo di scrittori Piccoli Maestri Torino, il Circolo dei lettori, la Scuola Holden, il Concorso nazionale Lingua Madre, il comitato Se non ora quando? e i volontari per la lettura ad alta voce LaAV Torino. Leggi il resto »

LIBRIAMOCI

Luciana Littizzetto, la Miss Italia Cristina Chiabotto, il regista Davide Ferrario, gli scrittori Andrea Bajani, Giuseppe Culicchia, Gian Luca Favetto, Fabio Geda e molti altri lettori vip entrano nelle scuole torinesi per leggere a bambini e studenti brani dai loro romanzi preferiti.

Tre giornate (da mercoledì 29 a venerdì 31 ottobre) con più di cento momenti di lettura in quasi ottanta scuole del territorio. Si alterneranno nella lettura scrittori, artisti, personalità del mondo dell’editoria, dei media e delle istituzioni, insieme con bibliotecari, insegnanti e volontari di tante associazioni.

È l’iniziativa Libriamoci, ideata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – con il Centro per il libro e la lettura – e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – con la Direzione Generale per lo studente.

A Torino l’iniziativa è gestita e curata dal Salone Internazionale del Libro, in collaborazione con: Iter e Biblioteche civiche della Città di Torino, il coordinamento delle scuole Torino ReteLibri, il gruppo di scrittori Piccoli Maestri, il Circolo dei lettori, la Scuola Holden, il Concorso nazionale Lingua Madre, il comitato Se non ora quando? e i volontari per la lettura ad alta voce LaAV Torino. Leggi il resto »