Dalle sorelle Brontë a Margherita Hack:cento storie di donne vere, vincenti, ribelli

La Stampa Tutto Libri   12 marzo 2017   – Nadia Ferrigo

«Alle bambine ribelli di tutto il mondo: sognate più in grande, puntate più in alto, lottate con più energia. E, nel dubbio, ricordate: avete ragione voi». Questa la dedica di Storie della buonanotte per le bambine ribelli , edito da Mondadori e a pochi giorni dalla pubblicazione in testa alla classifica italiana dei libri più venduti.

È la versione italiana di Good Night Stories for Rebel Girls, ideato da Elena Favilli, imprenditrice e giornalista, e Francesca Cavallo, autrice e regista teatrale. Vivono a Venice, in California, e sono le ideatrici di Timbuktu Labs, laboratorio di innovazione dei media per l’infanzia: dai libri ai laboratori interattivi, possono contare su due milioni di utenti in più di 70 Paesi per «costruire una comunità globale di genitori progressisti». Il volume raccoglie cento favole della buonanotte con protagoniste «cento donne straordinarie del passato e del presente che possano fare da modello positivo per le bambine», illustrate da sessanta artiste di tutto il mondo, dall’italiana Elisabetta Stonich alla sudafricana Thandiwe Tshabalala. Ancor prima di essere pubblicata, la raccolta ha incassato un record: è il libro più finanziato della storia del crowdfunding.   Leggi il resto »

CUORE FEMMINA

Nel contesto delle Giornate Europee del Patrimonio 24 e 25 settembre 2016 #Culturaèpartecipazione
Biblioteca Nazionale e Universitaria Piazza Carlo Alberto 3 – Torino
Ore 20 Vernissage della Mostra di libri d’artista “Cuore Femmina” ispirata all’album “Evidenti tracce di felicità” del gruppo musicale Yo Yo Mundi
Ore 21.00 Concerto Yo Yo Mundi

Sabato 24 settembre alle ore 20 inaugura la mostra di libri d’artista “Cuore Femmina” nella rinomata cornice della Biblioteca Nazionale Universitaria.
Dalle ore 21.00 alle ore 22.30 nell’Auditorium della Biblioteca Nazionale si svolgerà inoltre il concerto del gruppo musicale Yo Yo Mundi, al quale la mostra è ispirata.
“Cuore Femmina” nasce infatti dalla sinergia tra le musiche del nuovo album della Band e l’intuito creativo di 23 artiste visive.
Il disco “Evidenti tracce di felicità” uscito a marzo sta riscontrando il successo meritato al Premio Tenco 2016, che a Sanremo in questi giorni presenta gli Yo Yo Mundi tra i cinque finalisti per la Targa “Album dell’anno” riservata ai cantautori.
“Cuore Femmina” inaugura in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio (24-25 settembre) promosse dal Ministero dei beni e delle attività culturali che hanno l’intento di favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le Nazioni europee, riaffermando il ruolo centrale della cultura nelle dinamiche della società italiana. Per l’edizione 2016 è stato scelto l’hashtag #Culturaèpartecipazione.
“Cuore Femmina” si rivela perfettamente aderente a questo concetto presentandosi come un progetto culturale a tutti gli effetti: creato da un gruppo al femminile e sul femminile, ha l’obbiettivo di lavorare anche in futuro avvicinando i margini dei diversi media artistici per materializzare l’immagine ispirata al suono e alla parola.
Leggi il resto »

#iostocolgattoimmaginario

Questo sabato alle 11.30 Il Gatto Immaginario ospita “Tutta un’altra storia. Letture per bambini sul tema delle differenze”, una mattina
di letture per bambini e la presentazione di uno spettacolo patrocinato da Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, Città di Torino.

Purtroppo nei giorni scorsi l’estrema destra ha deciso di scagliarsi
contro questa iniziativa. A quanto abbiamo capito la protesta consisterebbe in un presidio non autorizzato di fronte alla libreria con l’obiettivo di scoraggiare le famiglie interessate a partecipare all’evento e mettere nei fatti a rischio l’ordine pubblico della strada. Leggi il resto »

Gli scrittori al sindaco anti «libri gender»: adesso ci metta tutti al bando

Corriere della sera – La 27 ora   13 luglio – Elena Tebano

Solo poche righe dirette al primo cittadino di Venezia Luigi Brugnaro: «Signor sindaco, cortesemente bandisca anche i nostri libri. Non vogliamo stare in una città dove vengono banditi quelli di altri». E poi le firme di 236 autori, tra i quali Michela Murgia, Massimo Carlotto, Altan, Piergiorgio Odifreddi, Loredana Lipperini e molti scrittori di libri per bambini (come i promotori Andrea Valente e Matteo Corradini).

Dopo la petizione sottoscritta da trentamila persone e le prese di posizione di Amnesty Internationale degli editori italiani, è il mondo degli autori a intervenire contro Brugnaro, che tra i primi atti dopo l’elezione aveva annunciato di aver «fatto togliere tutti i libri “gender” dalle scuole». Leggi il resto »

I libri, di qualunque “gender”, si leggono… non si censurano!

Il nuovo sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha messo all’indice numerosi testi per bambini, in particolare “tutti i libri che parlano di gender, o di genitore 1 e genitore 2”.

La censura attuata dal sindaco comprende numerosi capolavori della letteratura per l’infanzia, come “Piccolo Blu e Piccolo Giallo” di Leo Lionni, “Il pentolino di Antonino” di Isabel Carrer, incentrato sul tema della disabilità, “Piccolo uovo” disegnato da Altan, che tratta di tutte le forme di famiglia attuali, incluse quelle omosessuali e arcobaleno. Leggi il resto »