LA STORIA DI LEA CHE SFIDÒ LE ‘NDRINE

di Silvana Mazzocchi da La Repubblica 22 ottobre 2013

Il libro di Marika Demaria con la prefazione di Nando Dalla Chiesa
SILVANA MAZZOCCHI
Picchiata, torturata e uccisa. Punita per aver osato trasgredire e ribellarsi ai vetusti codici delle ‘ndrine. Il suo corpo venne bruciato e le sue ossa frantumate in migliaia di frammenti. È Lea Garofalo, la testimone di giustizia per la cui morte la sentenza d’appello ha confermato nell’agosto scorso quattro ergastoli e distribuito una rosa di pene minori. I funerali con i suoi resti, ritrovati soltanto tre anni dopo grazie alle dichiarazioni un pentito, complice del suo ex compagno e degli altri suoi aguzzini, sono stati celebrati a Milano lo
scorso 19 ottobre. Leggi il resto »