Oltre le scollature

SeNonOraquando? Torino è stata invitata a partecipare al convegno internazionale sui musei delle donne in Sud Tirolo

Venerdì 17 e sabato 18 marzo a Borgo Valsugana in Sud Tirolo parteciperemo  al primo Convegno dei Musei della Donna, nazionali e Gect/Euregio, dal titolo “Oltre le scollature” per parlare del progetto  Potere alla Parola, in collaborazione con il Salone Internazionale del Libro di Torinoormai giunto alla 5 edizione.

L’iniziativa è  promossa dal Museo Soggetto Montagna Donna/Casa Andriollo di Olle e dall’Associazione “La Casa di Alice A” in collaborazione con il Frauenmuseum-Museo delle Donne di Merano, con IAWM-International Association of Women’s Museums e con “Se non ora quando-Alto Adige”,

Due giornate intense durante le quali esperte, nazionali e internazionali, operatrici culturali e volontarie, sono chiamate a confrontarsi intorno a temi legati alle pari opportunità e ai musei delle donne. Si intende riflettere su argomenti diversi ma molto attuali, sui quali si giocano oggi sfide importanti con le quali siamo invitati a confrontarci per raccontare, senza cadere in facili stereotipi, il mondo femminile nel terzo millennio.

Al centro della prima giornata, aperta al pubblico, brevi interventi sulla storia, la cultura e la politica, il lavoro, l’Europa, il futuro e le nuove generazioni, l’interculturalità, il linguaggio, l’educazione, gli approcci museografici e quelli curatoriali e l’incontro pubblico serale dal titolo “Giornaliste e mondo dell’informazione” che vedrà protagoniste la madrina del convegno, la giornalista Rai Maria Concetta Mattei, e l’autrice e blogger Lorella Zanardo. La seconda giornata è invece riservata alle operatrici dei musei delle donne e alle volontarie di “Se non ora quando” che parteciperanno al workshop dal titolo “Oltre le scollature… dentro la rete”. Nell’ambito del convegno sono state curate da Rosanna Cavallini, direttrice del Museo Soggetto Montagna Donna / Casa Andriollo, due mostre sulle espressioni artistiche femminili contemporanee e del passato, in collaborazione con la Biblioteca civica di Borgo Valsugana, il Frauenmuseum – Museo delle Donne di Merano, il Comune di Trento e la Provincia autonoma di Trento.

qui il programma completo

COMUNICARE LA DIFFERENZA – Incontro di formazione

Quest’anno Potere alla Parola, progetto per le scuole promosso e ideato dal comitato SNOQ Torino in collaborazione con il Salone Internazionale del Libro di Torino avrà come tema:
COMUNICARE LA DIFFERENZA
per educare al rispetto delle differenze di genere nel linguaggio

“Anche se lo dice la grammatica italiana e lo sostiene l’Accademia della Crusca, si continua a far resistenza nel declinare al femminile una manciata di titoli professionali fino a poco tempo fa appannaggio solo degli uomini: non si dice ministra, deputata, prefetta ma è normale dire commessa, postina, operaia, infermiera.

Vorremmo che il linguaggio si adeguasse ai cambiamenti avvenuti nella società usando correttamente le “parole di genere” e riconoscendo l’importanza della Differenza nel definirle.

Vorremmo che istituzioni, pubblica amministrazione, politica, scuola e ogni forma di informazione usassero il femminile ogni volta che si parla di una donna, qualunque ruolo o incarico essa ricopra.

Si tratta di superare abitudini e stereotipi consolidati e, forse, qualche difficoltà iniziale nell’accettare una terminologia non utilizzata in passato: in realtà non esistono parole che suonano bene o male, ma parole giuste per definire persone e circostanze in modo corretto e paritario. Si cercherà di indagare nelle distorsioni del linguaggio di genere e di promuoverne un uso più appropriato sia nella forma che nella sostanza…per evitare di leggere: Il Sindaco ha partorito!

L’incontro di presentazione e di formazione del progetto a cui sono invitati i docenti e gli studenti delle Scuole Secondarie di I e II Grado
e delle Scuole di Specializzazione nel settore della Comunicazione, ed anche chi è interessato al tema si terrà

giovedì 29 ottobre alle 14.30

presso la Sala delle Colonne del Comune di Torino.

Saranno presenti : Rachele Raus, linguista dell’Università di Torino, Lorenzo Todesco, sociologo della comunicazione, Milena Boccadoro giornalista, Elena Rosa, esperta di pubblicità.

I lavori che le scuole produrranno saranno oggetto di un incontro programmato nell’arena Bookstock Village nell’ambito della XXIX edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino che si terrà dal 12 al 16 maggio 2016.

Anche se non potrete partecipare al progetto, vi aspettiamo!

SeNonOraQuando? Torino

potereallaparola3@gmail.com

www.senonoraquando-torino.it

POTERE ALLA PAROLA edizione 2016

Potere alla Parola

Progetto per le scuole promosso e ideato dal comitato SNOQ? Torino in collaborazione con
il Salone internazionale del Libro di Torino

IV Edizione  anno scolastico 2015-2016

COMUNICARE LA DIFFERENZA

per educare al rispetto delle differenze nel linguaggio

Maestro- Maestra

Chirurgo-Chirurga

Sindaco-Sindaca

Avvocato-Avvocata

In italiano le parole che finiscono in “o” al femminile prendono la “a”.

Restano invariate quelle che finiscono in “e” che vengono però precedute dall’articolo femminile: la giudice, la presidente.

Anche se lo dice la grammatica italiana e lo sostiene l’Accademia della Crusca, si continua a far resistenza nel declinare al femminile una manciata di titoli professionali fino a poco tempo fa appannaggio solo degli uomini: non si dice ministra, deputata, prefetta ma è normale dire commessa, postina, operaia, infermiera.

Vorremmo che il linguaggio si adeguasse ai cambiamenti avvenuti nella società usando correttamente le “parole di genere” e riconoscendo l’importanza della Differenza nel definirle.

Vorremmo che istituzioni, pubblica amministrazione, politica, scuola e ogni forma di informazione usassero il femminile ogni volta che si parla di una donna, qualunque ruolo o incarico essa ricopra. 

Leggi il resto »

Massimo Recalcati, la parola e la violenza: in streaming con gli Istituti Italiani di Cultura nel mondo

A Torino venerdì 9 ottobre 2015 alle ore 11.00 all’Aula Magna dell’Università di Torino alla Cavallerizza Reale (via Verdi, 9)

«L’esercizio della violenza è sempre un’alternativa secca a quella della parola. Mentre la legge della parola prova sempre a rendere giustizia della libertà dell’altro, la violenza la vorrebbe sopprimere, calpestarla, ridurla al silenzio». Parola e violenza sono talora l’una antidoto dell’altra, talora sono premessa e conseguenza. Al loro rapporto complesso lo psicoanalista Massimo Recalcati ha dedicato numerosi interventi e momenti della sua produzione saggistica. Leggi il resto »

La news letter torna nel 2015…..

Anche la news letter va in vacanza..e torna nel 2015

Rinnoviamo a tutte e a tutti gli auguri per un 2015 che riesca a farci procedere nel cammino verso una vera e concreta parità fra i generi e che dopo la stagione della conquista di ampi diritti di cittadinanza, la prossima possa essere, per le donne, quella di un esercizio pieno della decisione politica che appiani le discriminazioni e le disuguaglianze ancora esistenti nel welfare, nel lavoro, nella rappresentanza politica e istituzionale, riducendo quegli scarti, ancora forti tra principi e realtà.

C’è ancora molto lavoro da fare! Noi non ci arrendiamo e continuiamo a lavorare, organizzare, denunciare…
E per questo vogliamo salutare l’arrivo del nuovo anno ricordandovi i progetti e le iniziative previste nel 2015:

Potere alla parola:
questo progetto organizzato insieme al Salone Internazionale del Libro di Torino è nato dall’esigenza di recuperare il valore della pa­rola e di farla diventare mezzo efficace per sensibi­lizzare i giovani e lavorare con loro sul tema della violenza di genere. L’ambizione di questa nostra idea è quella di far riflettere i giovani che il sogno di una società di­ versa, costruita sulla solidarietà tra generi e gene­razioni, in cui convivano differenze ed eguaglianze, è possibile e che proprio il recupero del valore del­la comunicazione in tutte le sue forme espressive, la riscoperta dell’infinite potenzialità dell’uso della Parola, è mezzo fondamentale, imprescindibile per poterlo realizzare.
Giunto ormai alla terza edizione, quest’anno il progetto si articolerà su due settori, quello rivolto ai ragazzi e alle ragazze delle Scuole Medie Inferiori e Superiori e quello, in collaborazione con i laboratori ITER del Comune di Torino, rivolto agli alunni e alle alunne della Scuola Elementare (per informazioni e chiarimenti: potereallaparola3@gmail.com)

Gener-azioni:
il progetto vuole innescare momenti di discussione e confronto tra diverse generazioni sulla tematica del lavoro, declinandola in particolare sugli aspetti inerenti la conciliazione e condivisione con il lavoro di cura famigliare.

Ci interessa parlare dell’impatto delle trasformazioni nell’ambito del lavoro sulle scelte di vita, sui ruoli di genere, ma anche, soprattutto, di come questi vengono quotidianamente vissuti e reinterpretati nella nostra città.
In questo ambito il progetto nasce dalla volontà del comitato Se Non Ora Quando? Torino di affrontare la tematica della conciliazione/condivisione dei tempi di vita e di lavoro in un’ottica di ascolto e di confronto di e con le cittadine, aprendo un dialogo tra donne appartenenti a diverse fasce di età e di diversa estrazione sociale, torinesi di nascita o di adozione. Questo dialogo ha come obiettivo principale quello di “dare voce” alle donne in prima persona: ovvero dare loro la possibilità di parlarsi, ascoltarsi, confrontare e scambiare opinioni, esperienze, storie di vita, stimolando la riflessione su queste tematiche e giungere alla fine del percorso con proposte concrete in tema di conciliazione e condivisione(per informazioni e chiarimenti senonoraquando.torino@hotmail.it)

E lo chiamano lavoro….:
il 29 gennaio alle ore 18 alla Fondazione dell’Avvocatura “Fulvio Croce presenteremo il libro di Rita Sanlorenzo e Carla Ponterio E lo chiamano lavoro…,una riflessione sul mondo dell’occupazione oggi.
Noi lo affronteremo a 360 gradi, ma con un occhio particolare a quella che è la condizione del mondo del lavoro delle donne. Prima della presentazione organizzeremo un gruppo di lettura per potere affrontare con qualche strumento in più la presentazione del libro (per informazioni e chiarimenti senonoraquando.torino@hotmail.it)

Democrazia paritaria:
L’obiettivo è quello di lavorare, con l’Assessora Regionale alle Pari Opportunità, per una nuova legge elettorale che introduca il correttivo della doppia preferenza e di continuare a far pressione affinchè la riforma elettorale del Paese contenga le opportune norme per una democrazia paritaria che finalmente dia attuazione all’art 51 della Costituzione che recita: “Tutti i cittadini dell’uno o dell’altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge. A tal fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne e uomini”.

Rappresentazione della donna in pubblicità:
insieme all’Associazione Lofficina delle donne continuiamo a lavorare e denunciare per tutelare la dignità della donna, contrastare la comunicazione pubblicitaria che contiene immagini o rappresentazioni di violenza contro le donne o che incita ad atti di violenza sulle donne, per rispettare i principi di pari opportunità e per diffondere valori di genere positivi.
In questo senso stiamo cercando di organizzare una proposta che renda più strutturale ed organica la denuncia e più efficace il controllo del ritiro delle pubbliicità offensive.

Violazione dei Diritti umani delle donne in tutto il mondo:
Continuiamo a vigilare sulla violazione dei diritti umani delle donne e a promuovere campagne internazionali di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e di pressione verso i governi violatori: attraverso l’invio di appelli, organizzazione di incontri o eventi pubblici, socialbombing ai governi e alle ambasciate.
Facciamo parte del Tavolo Juarez sul femminicidio che lavora con le associazioni che in Messico si occupano di questo tema.