Aborto. Dopo mozione a Verona, ne arrivano altre a Ferrara e Roma.

QuotidianoSanità.it   20 ottobre 2018   Giovanni Rodriguez

Aborto. Dopo mozione a Verona, ne arrivano altre a Ferrara e Roma. Non una di meno: “Giù le mani dai nostri corpi”

Il 22 ottobre il Consiglio comunale capitolino discuterà una mozione presentata sempre dal Gruppo di Fratelli d’Italia, analoga a quella già approvata a Verona presentata dalla Lega e a quella di Ferrara anch’essa proposta da Fratelli d’Italia. Nel testo romano viene messo in discussione quanto “inapplicato” dalla legge 194 e si dichiara la capitale “città a favore della vita”. Torna la protesta di Non una di Meno per “impedire che la mozione passi”. “I nostri corpi, i nostri desideri non sono negoziabili”.

Prima Verona, poi Ferrara e il prossimo lunedì toccherà a Roma. Il diritto all’aborto viene messo in discussione, a livello comunale, con una serie di mozioni molto simili tra loro presentate da Lega e Fratelli d’Italia.

Tutto è iniziato lo scorso 4 ottobre con l’approvazione a Verona di una mozione a firma del consigliere della Lega nord Alberto Zelger. In occasione del 40° anniversario dell’entrata in vigore della legge 194 del 1978, questa impegnava il sindaco e la giunta a sostenere iniziative per la prevenzione dell’aborto con “l’inserimento nel prossimo assestamento di bilancio di un congruo finanziamento ad associazioni e progetti che operano nel territorio del Comune di Verona; la promozione del progetto regionale ‘culla segreta’, stampando e diffondendo i suoi manifesti pubblicitari nelle Circoscrizioni e in tutti gli spazi comunali; a proclamare ufficialmente Verona ‘città a favore della vita’”. Leggi il resto »