Salta la legge sui figli in provetta

La repubblica 9 agosto 2014 – Michela Marzano

FECONDAZIONE ETEROLOGA VIETATA FINO A CHE NON DECIDERÀ IL PARLAMENTO

Prendiamone atto: in Italia cancellare il “bicameralismo perfetto” è possibile, fare un decreto che regolamenti la fecondazione eterologa no. Per altro, in questo caso, la realtà supera qualsiasi immaginazione. Infatti, nello stesso giorno, un Tribunale ha deciso che i figli sono di chi li partorisce anche in assenza di un legame biologico. Leggi il resto »

“Una mutazione sociale in tre mosse” di Mariella Gramaglia

La Stampa – 10 aprile 2014

In una luminosa giornata di primavera i piedi nel mondo si mettono più volentieri. Ieri nove aprile, poi, è davvero cambiato un po’ il verso nel nostro Paese. Con il concorso di tanti soggetti autonomi gli uni dagli altri e la compresenza casuale di più eventi, è successo in poche ore l’abbozzo di una mutazione sociale. Bella, a giudizio di chi scrive. E universale (anche se a un primo sguardo riguarda di più le donne) perché al fondo ci rende tutti un po’ più liberi e un po’ più primaverili. Meno parrucconi. Leggi il resto »

«La Consulta mi aiuti a diventare mamma»

di Mariagrazia Gerina – l’Unità – 8 aprile 2014

Devono permetterci di farlo in Italia, io all’estero non ci torno più», ripete con un filo di voce Elisabetta, trentaquattro anni, siciliana. Lei e suo marito sono una delle migliaia di coppie sterili che la legge 40 sulla procreazione assistita ha costretto ad emigrare in cerca delle cure negate. A loro è andata male e sentono di aver pagato un prezzo troppo alto per provarci ancora. Se la Consulta dovesse cancellare il divieto di fecondazione eterologa, allora sarebbe diverso: «In Italia mi sentirei più tutelata», spiega Elisbatta, in attesa del verdetto della Corte costituzionale. «C’è qualche speranza stavolta?», ha scritto alla vigilia dell’udienza a Filomena Gallo, legale e segretario della Associazione Luca Coscioni, che interverrà davanti alla Consulta parlerà a nome di tutte le coppie ostacolate dalla legge 40. Leggi il resto »

Libere di scegliere non è solo Libere di abortire

di Emanuela Ghinaglia – snoq Lombardia

Leggo questa storia  http://incrocidegeneri.wordpress.com/2014/01/14/lettera-di-ilaria-libere-di-scegliere-non-equivale-a-libere-di-abortire/

  e mi prende il magone.
Sento ogni giorno storie come questa… Donne che si pongono il problema di avere o non avere figli e ci riflettono in modo molto consapevole. Donne che pensano che l’ostacolo ad avere figli sia nel non avere soldi. Oppure nel lavoro (se ce l’hai o se non ce l’hai). Oppure nell’essere coppie non abbastanza regolari. Leggi il resto »