Il Salone del Libro deve rimanere a Torino!!!

Il Salone del Libro deve rimanere a Torino!!!Sono più di 25 anni che, ogni anno, si tiene a Torino il Salone Internazionale del Libro. Se Non Ora Quando? ...

Il Salone Internazionale del libro deve rimanere a Torino!!!

Il Salone Internazionale del libro deve rimanere a Torino!!!Sono più di 25 anni che, ogni anno, si tiene a Torino il Salone Internazionale del Libro. Se Non Ora Quando? ...

Lettera di sostegno al Salone Internazionale del Libro di Torino

Lettera di sostegno al Salone Internazionale del Libro di TorinoCome SeNonOraQuando? Torino, avendo in questi anni collaborato con il Salone Internazionale del Libro, condividiamo e sottoscriviamo l'appello a sostegno ...

Donne contro il Femminicidio #3: le parole che cambiano il mondo con Maria Antonietta Macciocu

Donne contro il Femminicidio #3: le parole che cambiano il mondo con Maria Antonietta MacciocuPubblichiamo l'intervista alla nostra Maria Antonietta Macciocu su   "Oubliette Magazine" del 20 luglio 2016 a cura di Emma Fenu Le parole ...

We want sex (equality) e Donne con la A: l’importanza delle differenze di genere nel linguaggio

We want sex (equality) e  Donne con la A: l’importanza delle differenze di genere nel linguaggioRIGHTS VILLAGE GLI EVENTI DEL 28 LUGLIO Alle ore 18   We want sex (equality) e  Donne con la A: l’importanza delle ...

Il Salone del Libro deve rimanere a Torino!!!

28 luglio 2016
salone-del-libro-di-torino-2016

Sono più di 25 anni che, ogni anno, si tiene a Torino il Salone Internazionale del Libro.
Se Non Ora Quando? Torino in questi ultimi anni ha collaborato ed organizzato progetti, iniziative e manifestazioni insieme al Salone Internazionale del Libro e ha potuto constatare il grande lavoro che la Fondazione ha sempre fatto per una cultura “vera” e non commerciale.

Chiediamo alle Istituzioni, anche di fronte all’assurda decisione dell’AIE, di continuare a progettare un Salone del Libro a Torino e tutte le iniziative che nel corso dell’anno sono organizzate dalla Fondazione.

Lo chiediamo perchè le Istituzioni non possono sottostare all’arroganza di interessi che vanno ben oltre la cultura.

Chiediamo a tutti e tutte di firmare questo appello.

SeNonOraQuando?Torino

Il Salone Internazionale del libro deve rimanere a Torino!!!

223-logo-salone-internazionale-del-libro-300x81

Sono più di 25 anni che, ogni anno, si tiene a Torino il Salone Internazionale del Libro.
Se Non Ora Quando? Torino in questi ultimi anni ha collaborato ed organizzato progetti, iniziative e manifestazioni insieme al Salone Internazionale del Libro e ha potuto constatare il grande lavoro che la Fondazione ha sempre fatto per una cultura “vera” e non commerciale.

Chiediamo alle Istituzioni, anche di fronte all’assurda decisione dell’AIE, di continuare a progettare un Salone del Libro a Torino e tutte le iniziative che nel corso dell’anno sono organizzate dalla Fondazione.

Lo chiediamo perchè le Istituzioni non possono sottostare all’arroganza di interessi che vanno ben oltre la cultura.

Chiediamo a tutti e tutte di firmare questo appello.

SeNonOraQuando?Torino

Lettera di sostegno al Salone Internazionale del Libro di Torino

25 luglio 2016
223-logo-salone-internazionale-del-libro-300x81

Come SeNonOraQuando? Torino, avendo in questi anni collaborato con il Salone Internazionale del Libro, condividiamo e sottoscriviamo l’appello a sostegno del Salone Internazionale del libro di Torino: un riconoscimento per la qualità del lavoro svolto in questi anni, soprattutto con i piccoli e medi editori, e un sostegno solidale al progetto di tenere a Torino la manifestazione.

Per aderire, inviare una mail a info@addeditore.it.

20 luglio 2016

Gentile Fondazione per il libro, la musica e la cultura,

abbiamo appreso con sollievo in questi giorni la forte determinazione di Regione Piemonte, Comune di Torino, Mibact, Miur e Intesa Sanpaolo a proseguire nell’esperienza del Salone del libro.

La fiera torinese è a tutti gli effetti un patrimonio culturale italiano, percepita sempre più anche dagli operatori editoriali stranieri come momento significativo di incontro, confronto e lavoro comune.

Nonostante le problematiche ai vertici della gestione negli ultimi due anni, i dati di presenza di pubblico, di editori, di operatori esteri delle ultime edizioni ci parlano di successo e soddisfazione. Leggi il resto »

Donne contro il Femminicidio #3: le parole che cambiano il mondo con Maria Antonietta Macciocu

Emma-Fenu-Maria-Antonietta-Macciocu

Pubblichiamo l’intervista alla nostra Maria Antonietta Macciocu su   “Oubliette Magazine” del 20 luglio 2016

a cura di Emma Fenu

Le parole cambiano il mondo. Attraversano spazio e tempo, sedimentandosi e divenendo cemento sterile o campo arato e fertile. Per dare loro il massimo della potenza espressiva e comunicativa, ho scelto di contattare, per una serie di interviste, varie Donne che si sono distinte nella lotta contro la discriminazione e la violenza di genere e nella promozione della parità fra i sessi.

Ho chiesto loro, semplicemente, di commentare poche parole, nel modo in cui, liberamente, ritenevano opportuno farlo.

A continuare la staffetta della neo rubrica “Donne contro il Femminicidio“, prendendo il testimone, è Maria Antonietta Macciocu, nata a Sassari e residente a Torino. Laureata in Storia del Teatro, dopo anni d’insegnamento di lettere nelle periferie torinesi, ha lavorato presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, collaborando alle attività del Teatro Regio.

Ha collaborato con la rivista romana “Inoltre”. Poetessa e scrittrice, ha pubblicato poesie e romanzi, questi ultimi in collaborazione con Donatella Moreschi. Si interessa di problemi politici, sociali, culturali, con particolare attenzione ai diritti delle donne. Leggi il resto »

We want sex (equality) e Donne con la A: l’importanza delle differenze di genere nel linguaggio

donne-con-la-A-csc

RIGHTS VILLAGE

GLI EVENTI DEL 28 LUGLIO

Alle ore 18   We want sex (equality) e  Donne con la A: l’importanza delle differenze di genere nel linguaggio

Alle ore 22   Ukulele Turin Orchestra

I diritti delle donne, la lotta alla violenza di genere e il contrasto agli stereotipi: questi i temi che tratterà l’incontro “We want sex (equality)”, che si terrà giovedì 28 luglio alle ore 18 al Rights Village di Torino Esposizioni (ingresso da Viale Boiardo, lato Parco del Valentino). Marina Cosi, Presidente dell’Associazione di Giornaliste Gi.U.Li.A e Stefanella Campana, giornalista e scrittrice, presenteranno: “Donne elettriche: luce, nutrimento, energia”, Mostra fotografica che racconta l’energia, la forza e l’ironia delle donne, la consapevolezza e la volontà di essere protagoniste nel mondo. Parteciperanno: Maria Giulia Cavalletto, Consigliera Regionale di Parità e Elena Rosa, Presidente Associazione LOFFICINA.

Seguirà l’iniziativa “Donne con la A: l’importanza delle differenze di genere nel linguaggio” per riflettere sulla necessità di riconoscere la parità a livello lessicale, utilizzando il femminile ogni volta che si parla di una donna. Educare al rispetto delle differenze di genere nel linguaggio significa costruire insieme uomini e donne, il rispetto delle differenze tra i sessi. Le donne, presenti in tante professioni fino a poco tempo fa appannaggio solo degli uomini, chiedono di essere riconosciute.

Presiederà l’incontro Laura Onofri, Referente Comitato “SeNonOra,Quando?”. Interverranno: Linda Laura Sabbadini, Statistica sociale, Rachele Raus, Università degli Studi di Torino CIRSDe Centro Interdisciplinare di Ricerche e Studi delle Donne, Elena Bigotti, Avvocata Foro di Torino. Modera: Milena Boccadoro giornalista RAI.

Gli incontri sono a cura dell’Associazione LOFFICINA.

Dalle 22, l’Ukulele Turin Orchestra tornerà ad allietare il pubblico, con una selezione di brani in perfetto stile ‘anni 2000’.

Il Rights Village – ideato e organizzato da Concept Event in collaborazione con il Coordinamento Torino Pride, l’Associazione LOFFICINA e l’Associazione iNova – è aperto dal martedì alla domenica dalle ore 18. Gli eventi del Rights Village proseguiranno per tutto il mese di luglio, affrontando temi quali la non discriminazione, l’uguaglianza e le pari opportunità per tutti, in un contesto di aggregazione e divertimento. L’ingresso è gratuito, alcuni eventi che si svolgeranno nell’area Emiciclo saranno a pagamento.

Programma dettagliato e aggiornato su www.rightsvillage.it