Presentazione del libro “Matrimoni&Patrimoni”

Presentazione del libro “Matrimoni&Patrimoni”Mercoledì 30 gennaio, ore 18.00 presso il Museo del Risparmio, via S. Francesco d’Assisi 8/A, Torino Nel corso della nostra vita, ci ...

Aborti in calo: scendono sotto quota 81mila.

Aborti in calo: scendono sotto quota 81mila.Quotidianosanità.it   18 gennaio 2019  - Ester Maragò Si conferma diminuzione di quelli clandestini, merito anche della contraccezione d’emergenza. Lieve flessione dell’obiezione ...

Lo spot Gillette pro #MeToo fa infuriare gli attivisti di destra

Lo spot Gillette pro #MeToo fa infuriare gli attivisti di destraLettera Donna  15 gennaio 2019 Il nuovo messaggio pubblicitario dell'azienda produttrice di rasoi si scaglia contro la mascolinità tossica. E a ...

La Cassazione precisa: bigenitorialità non significa dividere il figlio a metà

La Cassazione precisa: bigenitorialità non significa dividere il figlio a metàLa Repubblica.it       16 gennaio 2019        Alessandro Simeone La Corte di Cassazione ha ribadito che quando i ...

Condannato il sindaco che offese con insulti sessisti Boldrini

Condannato il sindaco che offese con insulti sessisti  Boldrini Si è' concluso oggi il processo che vedeva imputato il sindaco leghista Matteo Camiciottoli e parte offesa l'onorevole Laura Boldrini; ...

Presentazione del libro “Matrimoni&Patrimoni”

19 Gennaio 2019

Mercoledì 30 gennaio, ore 18.00
presso il Museo del Risparmio, via S. Francesco d’Assisi 8/A, Torino

Nel corso della nostra vita, ci ritroviamo a dovere prendere decisioni importanti relative a studio, lavoro, famiglia e soldi. Scelte che, pur avendo un senso nel breve periodo, possono alla lunga trasformarsi in un boomerang.

Da questo spunto nasce il libro Matrimoni&Patrimoni: istruzioni per l’uso (edito da Hoepli) che Debora Rosciani, co-autrice insieme a Roberta Rossi Gaziano, presenterà al Museo del Risparmio il 30 gennaio.

Una guida che spiega come sta cambiando il mondo e quali conseguenze possano avere le nostre azioni attraverso le storie di tante persone che raccontano come hanno gestito le loro scelte fondamentali. Leggi il resto »

Aborti in calo: scendono sotto quota 81mila.

Quotidianosanità.it   18 gennaio 2019  – Ester Maragò

Si conferma diminuzione di quelli clandestini, merito anche della contraccezione d’emergenza. Lieve flessione dell’obiezione di coscienza. Grillo: “Non ci sono particolari criticità nei servizi”. La Relazione al Parlamento

Nel 2017 le Ivg scendono del 4,9% rispetto all’anno precedente. Dopo un aumento importante nel tempo, le IVG fra le donne straniere si sono stabilizzate e cominciano a mostrare una tendenza alla diminuzione. In calo anche il tasso di abortività tra le minorenni, con livelli più elevati nell’Italia centrale, e la percentuale di IVG ripetute (25.7% nel 2017 contro 26.4% nel 2016).  Grillo: “Su contraccezione emergenza serve una maggiore informazione per evitarne un uso inappropriato”

LA RELAZIONE AL PARLAMENTO

Interruzioni volontarie di gravidanza sempre di più in discesa libera. Nel 2017 sono stati registrarti 80.733 aborti che, non solo confermano il trend in diminuzione del fenomeno, ma con un ulteriore spinta in più: le IVG diminuiscono in misura leggermente maggiore rispetto al 2016 (-4.9% rispetto al dato del 2016 e ben -65.6% rispetto al 1982, anno in cui si è osservato il più alto numero di IVG in Italia (234.801 aborti). Liguria, Umbria, Abruzzo e PA di Bolzano sono le Regioni dove le IVG hanno mostrato un rallentamento importante. Al contrario la PA di Trento è l’unica con un lieve aumento di interventi.
Continua l’effetto “pillola dei 5 giorni dopo” anche nel 2017. E anche quest’anno si conferma l’influsso positivo della contraccezione di emergenza: l’andamento di questi ultimi anni, potrebbe essere almeno in parte collegato alla determina Aifa che ha cancellato l’obbligo di ricetta di ellaOne per le donne maggiorenni. Una ricaduta positiva anche sugli aborti clandestini che sarebbero in calo anche grazie all’arma delle pillole del giorno dopo acquistabili dalle donne maggiorenni senza prescrizione.

Diminuiscono anche i tempi di attesa, anche se con differenze tra regione e regione, e si registra un aumento delle interruzioni nelle prime 8 settimane di gestazione, probabilmente almeno in parte dovuto all’aumento dell’utilizzo della tecnica farmacologica.

Leggi il resto »

Lo spot Gillette pro #MeToo fa infuriare gli attivisti di destra

17 Gennaio 2019

Lettera Donna  15 gennaio 2019

Il nuovo messaggio pubblicitario dell’azienda produttrice di rasoi si scaglia contro la mascolinità tossica. E a favore di un modello di uomo meno stereotipato. Facendo insorgere le associazioni conservatrici.

Il nuovo spot Gillette esce dai tradizionali canoni dell’uomo che non deve chiedere mai e strizza l’occhio al movimento #MeToo, scagliandosi contro la masconilità tossica e un modello che pare aver fatto il suo tempo. Ma l’iniziativa del brand che produce e commercializza rasoi è finita nel mirino di associazioni conservatrici e politici di destra che, negli Stati Uniti, hanno invitato al boicottaggio dell’azienda. La colpa? Diffondere uno stereotipo maschile fasullo e che risulterebbe a sua volta sessista.

STEREOTIPI NOCIVI E DA SOVVERTIRE

La pubblicità riprende lo storico slogan di Gillette “Il meglio di un uomo” e lo sovverte, lasciando intendere che il meglio di uomo è proprio ribaltare quel modello, riconoscendo che gli stereotipi connaturati alla mascolinità tossica (aggressività, scarsa empatia, repressione di vulnerabilità) sono nocivi per gli uomini stessi.

Leggi il resto »

La Cassazione precisa: bigenitorialità non significa dividere il figlio a metà

La Repubblica.it       16 gennaio 2019        Alessandro Simeone

La Corte di Cassazione ha ribadito che quando i genitori si lasciano il figlio ha il diritto di godere dell’apporto di entrambi ma non con l’imposizione rigida del “metà tempo a testa”, come invece prevederebbe il Ddl Pillon.

Con una recente decisione, la Corte di Cassazione, ribadendo numerose sue precedenti pronunzie, ha specificato che quando i genitori si lasciano il figlio ha il diritto di godere dell’apporto di entrambi (il c.d. diritto alla bigenitorialità).
La Cassazione, che, è bene ricordarlo, sono i giudici più importanti e “alti in grado” in Italia, ha anche precisato che il diritto del minore alla bigenitorialità non è il diritto dei genitori a spartirselo a metà secondo i propri capricci o logiche, tipiche di molte coppie “scoppiate”, di vendetta trasversale.
Questo non vuole dire che sia vietato prevedere che, in caso di rottura della coppia genitoriale, il figlio possa passare metà tempo con un genitore e metà con l’altro. Sarebbe però sbagliato, secondo questa e altre, numerosissime, decisioni, fissare come regola generale quella del metà tempo: ogni famiglia e ogni bambino costituiscono un mondo a parte, con singolarità, storie, abitudini e specificità che devono essere rispettate anche, e soprattutto, se i genitori si lasciano. Leggi il resto »

Condannato il sindaco che offese con insulti sessisti Boldrini

15 Gennaio 2019

Si è’ concluso oggi il processo che vedeva imputato il sindaco leghista Matteo Camiciottoli e parte offesa l’onorevole Laura Boldrini; il sindaco di Pontrinvea è stato ritenuto responsabile del reato di diffamazione per aver pubblicato su Facebook  un post in cui si augurava che i responsabili dello stupro avvenuto in spiaggia a Rimini nell’estate del 2017 fossero mandati ai domiciliari a casa di Laura Boldrini così le avrebbero fatto ritornare il sorriso.

Il Giudice di Savona ha condannato il Sindaco alla pena della multa di euro 20.000, nonché al risarcimento del danno subito dalla parte offesa e dalle cinque Associazioni, tra cui SeNonOraQuando? Torino, che si occupano dei diritti delle donne, già ammesse quali parti civili, oltre alla re fusione delle spese legali; la sospensione condizionale della pena è stata subordinata al risarcimento dei danni. Leggi il resto »