Ddl Pillon, la Carta del Garante Infanzia: “Regole predeterminate non rispettano interesse del minore”

Ddl Pillon, la Carta del Garante Infanzia: “Regole predeterminate non rispettano interesse del minore”Il fatto quotidiano.it    16 ottobre 2018  di Alex Corlazzoli Il documento, nato dopo la presentazione del disegno di legge sull'affido condiviso, ...

Affido condiviso: ddl Pillon in stand by, oltre 100 audizioni

Affido condiviso: ddl Pillon in stand by, oltre 100 audizioniAGI - Roma, 16 ottobre 2018 Le nuove norme sull'affido condiviso vengono messe in stand by. Sono infatti oltre 100 le ...

LEADERSHIP AL FEMMINILE NELLE PROFESSIONI, NELLE AZIENDE E NELLE ISTITUZIONI

LEADERSHIP AL FEMMINILE NELLE PROFESSIONI, NELLE AZIENDE E NELLE ISTITUZIONICorso dell’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Torino A cura della Commissione Pari Opportunità dell’OMCeO di Torino 9 novembre ...

DDL PILLON Una proposta da fermare!

DDL PILLON  Una proposta da fermare!di Assunta Confente     Avvocata del Foro di Torino La proposta di legge n. 735 “Norme in materia di affido condiviso, ...

Nasce il Comitato Torinese per il ritiro della proposta di legge Pillon

Nasce  il Comitato Torinese per il ritiro della proposta di legge PillonNasce il COMITATO TORINESE PER IL RITIRO DELLA PROPOSTA DI LEGGE PILLON Insieme ad altre associazioni torinesi, i cui nomi trovate ...

Ddl Pillon, la Carta del Garante Infanzia: “Regole predeterminate non rispettano interesse del minore”

17 ottobre 2018

Il fatto quotidiano.it    16 ottobre 2018  di Alex Corlazzoli

Il documento, nato dopo la presentazione del disegno di legge sull’affido condiviso, sottolinea come occorra una valutazione caso per caso che tenga conto delle reali esigenze del figlio.

Sono quasi 100mila (97.690) i figli minorenni di genitori separati su cui in queste settimane sono puntati i riflettori dopo la proposta del ddl del senatore leghista Simone Pillon che vorrebbe la “bigenitorialità perfetta” e la mediazione obbligatoria per trovare un accordo sul mantenimento dei figli e sul loro affido. Una proposta criticata dal Garante dell’infanzia che ha presentato la Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori. “Regole astratte e predeterminate, come la divisione paritetica dei tempi di permanenza del figlio presso ciascun genitore, potrebbero risultare in contrasto con il reale interesse del minore, che va comunque sentito se l’età lo consente prima di assumere decisioni che lo riguardino. Occorre quindi una valutazione caso per caso che tenga conto delle reali esigenze del figlio. Molti sono i fattori che possono entrare in gioco: l’età, la situazione abitativa dei genitori, l’inserimento di un nuovo partner e di una sua eventuale famiglia, gli affetti, la scuola”. Leggi il resto »

Affido condiviso: ddl Pillon in stand by, oltre 100 audizioni

16 ottobre 2018

AGI – Roma, 16 ottobre 2018

Le nuove norme sull’affido condiviso vengono messe in stand by. Sono infatti oltre 100 le audizioni che sono state decise dalla commissione Giustizia del Senato e che prenderanno il via da martedi’ prossimo, 23 ottobre. A riferirlo e’ il presidente della commissione, Andrea Ostellari (Lega), spiegando che e’ necessario “approfondire” il tema attraverso il parere di esperti. Il ddl a prima firma Simone Pillon (ex Family day e eletto nelle liste della Lega) ha suscitato, sin dalla sua presentazione, le forti critiche non solo delle opposizioni, ma anche degli esperti e delle tante associazioni che operano nel settore. Ma, soprattutto, il testo all’esame della commissione in Senato non piace ai 5 stelle, che a piu’ riprese – e in una sorta di crescendo in negativo – ne hanno contestato i contenuti. Ultime le dichiarazioni del sottosegretario con delega alle Pari opportunita’, Vincenzo Spadafora, che ha di fatto bocciato il ddl. Anche da alcuni esponenti della Lega sono state manifestate perplessita’, come quelle espresse dal ministro della Famiglia Lorenzo Fontana. Le oltre 100 audizioni, quindi, potrebbero anche essere un escamotage per prendere tempo e rinviare la decisione finale sul testo.

LEADERSHIP AL FEMMINILE NELLE PROFESSIONI, NELLE AZIENDE E NELLE ISTITUZIONI

14 ottobre 2018

Corso dell’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Torino A cura della Commissione Pari Opportunità dell’OMCeO di Torino

9 novembre 2018 | Villa Raby Corso Francia, 8 Torino
LEADERSHIP AL FEMMINILE
NELLE PROFESSIONI, NELLE AZIENDE
E NELLE ISTITUZIONI
Crediti ECM: 5
Evento n. 4196 – 243206
Obiettivo formativo nazionale: Management sanitario. Innovazione gestionale e sperimentazione di modelli organizzativi e gestionali Leggi il resto »

DDL PILLON Una proposta da fermare!

di Assunta Confente     Avvocata del Foro di Torino

La proposta di legge n. 735 “Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità” firmata dal senatore leghista Simone Pillon è un pericolo per l’attuale assetto legislativo che permette al Giudice la ricerca del giusto equilibrio degli interessi di tutti i membri della famiglia in crisi, nel rispetto del preminente interesse morale e materiale dei figli minori di età.

E’ una proposta ideologica, confusa, che muta in modo radicale la prospettiva sino ad oggi adottata e abbraccia una visione stereotipata delle soluzioni da scegliere nei confronti dei bambini come se fossero beni da dividere in occasione della separazione assieme ai beni mobili, i conti, i titoli, le automobili, senza considerare minimamente la realtà in cui i bambini hanno vissuto e le caratteristiche sociali relazionali economiche di ogni famiglia.

Se fino alla riforma del 2006 si poteva parlare di uno squilibrio legislativo che emarginava il giusto ruolo dei padri nella cura ed educazione dei figli, con questa proposta di legge la situazione viene ribaltata e si impongono soluzioni obbligatorie che non sono aderenti alla nostra realtà sociale, che favoriscono il genitore più forte economicamente, che inaspriscono e allargano il conflitto all’interno della famiglia coinvolgendo i nonni e i figli maggiorenni, che allungano i tempi delle decisioni, che non tutelano i minori e le donne vittime di violenza.

Non c’è una sola tra le molte novità proposte che sia condivisibile. Leggi il resto »

Nasce il Comitato Torinese per il ritiro della proposta di legge Pillon

11 ottobre 2018

Nasce il COMITATO TORINESE PER IL RITIRO DELLA PROPOSTA DI LEGGE PILLON

Insieme ad altre associazioni torinesi, i cui nomi trovate al fondo, abbiamo deciso di costituire il Comitato Torinese  per il ritiro della proposta di legge Pillon.

Perché:

  • è una riforma altamente ideologica, schierata a difesa del genitore più forte economicamente e quindi iniqua e ingiusta;
  • ignora l’interesse dei minori, divisi per legge in due, come se la loro identità e i loro bisogni non esistessero o fossero comunque per tutti uguali;
  • è destinata ad aumentare la conflittualità tra le coppie che si vogliono separare e che si riflette sui minori;
  • per famiglia intende solo quella formata da padre e madre cancellando così le famiglie omogenitoriali e i loro figli;
  • con falso egualitarismo nasconde l’impostazione classista e sessista;
  • finge che l’affido condiviso non sia già oggi la forma più diffusa nelle separazioni.
    Pensiamo  che sia giusto discuterne  insieme nell’assemblea che si terrà all’Istituto Avogadro – via Rossini 18 mercoledì 24 ottobre alle ore 20  per approfondire l’argomento e decidere  come mobilitarci.
    Siamo consapevoli che in questo momento  esiste un forte arretramento  sui diritti,  un inasprimento delle disuguaglianze sia tra le persone, nonchè tra uomini e donne, un attacco alla libertà di stampa e un aumento delle discriminazioni e crediamo  che questa proposta di legge Pillon sia solo la prima di future riforme legislative che tenteranno di scardinare  leggi faticosamente conquistate negli ultimi 40 anni,  soprattutto dalle donne.

Per tutte queste ragioni incontriamoci:

il 24 ottobre alle ore 20

AULA MAGNA dell’Istituto Amedeo Avogadro  –   via Rossini 18.  Torino

Prime adesioni:

Almaterra, Archivio delle Donne in Piemonte, Camera del Lavoro Torino, Casa delle Donne -Torino, Centri Antiviolenza  E.M.M.A. ONLUS  (DiRe -Donne in Rete  contro la violenza – Regione Piemonte), Centro Studi e Documentazione Pensiero Femminile, Coordinamento Pari Opportunità Uil, Donne per la difesa società civile, Galleria delle donne – Torino, Giuristi Democratici- Torino, Scambiaidee, SeNonOraQuando?-Torino, Spazio Donne della Cascina Roccafranca, Telefono Rosa Piemonte di Torino

partecipa all’incontro AVOROSA – Donne in Avogadro.

 

Chiediamo a chi è d’accordo nel chiedere il ritiro di questa proposta di legge di:  condividere questo comunicato, di partecipare all’assemblea del 24 ottobre e di aderire sia singolarmente che come associazioni inviando una mail con nome e cognome e la  frase  aderisco al Comitato Torinese per il ritiro della proposta di legge Pillon a:

comitatotorinese.nopillon@gmail.com