Una crisi politica che impone un'assunzione di responsabilità e una scelta di campo

Una crisi politica che impone un'assunzione di responsabilità e una scelta di campo Laura Onofri Abbiamo, in questo momento più che mai, la necessità che una visione diversa, con uno sguardo femminista si imponga. La ...

NO PILLON: gridiamolo forte a Roma il 28 settembre!

NO PILLON: gridiamolo forte a Roma il 28 settembre! SeNonOra Quando? Coordinamento Nazionale Comitati aderisce alla:Manifestazione nazionale a Roma # No Pillon e DDL collegati ...

La regina nera dell'altra America

La regina nera dell'altra America La Repubblica 7 agosto 2019 di Roberto Saviano Resistere o cadere la lezione a un mondo tornato razzista Toni ...

Il soffitto di cristallo resiste

Il soffitto di cristallo resiste Laura Onofri Per la prima volta una donna diventa avvocata generale dello Stato. Una notizia passata abbastanza sotto traccia in questi giorni ...

Agnese Pini, 34 anni, direttrice La prima donna a firmare la «Nazione»

Agnese Pini, 34 anni, direttrice La prima donna a firmare la «Nazione» Corriere della sera La 27 ora 5 agosto 2019 - Irene Soave «Ci ho messo quasi mezz’ora, ...

Nuova campagna di Cheap sui muri di Bologna: “Ringrazia una femminista”

2 Agosto 2019

La Repubblica

“Se si una donna e puoi votare, ringrazia una femminista.” Il poster, con la scritta a caratteri cubitali e la grafica di una mano che inserisce la scheda di voto nell’urna elettorale, è affisso sul muro dell’autostazione di viale Masini a Bologna. Ed è seguito da un’altra quarantina di poster che ricordano che “se sei donna e puoi divorziare, leggere i libri che desideri, utilizzare anticoncezionali, indossare i pantaloni, andare all’università, interrompere una gravidanza, avere un tu stipendio e testimoniare in tribunale in tua difesa, allora dovresti ringraziare una femminista”. Si tratta dell’ultima affissione di Cheap, il progetto di street poster art attivo a Bologna dal 2013 e fondato interamente da donne. Per ricordare che il femminismo è “più che mai necessario, così come è necessario ricordare che i diritti delle donne sono stati conquistati attraverso anni di lotte politiche e sociali” 

UN’ALLEANZA GLOBALE PER LE DONNE: Se Non Ora Quando?

27 Luglio 2019

Laura Onofri

Si è svolto giovedì 25 luglio a Roma l’incontro promosso da AIDOS -Associazione italiana donne per lo sviluppo-  e da Laura Boldrini, dal titolo “L’Alleanza parlamentare globale sui diritti delle donne in vista di Cairo e Pechino + 25”

L’iniziativa è stata l’occasione per aggiornare la platea circa la Conferenza mondiale “WOMAN DELIVER 2019” sulle questioni di genere e la salute sessuale e riproduttiva, svoltasi a Vancouver nello scorso mese di giugno, e a cui ha partecipato, in rappresentanza del Gruppo parlamentare, l’onorevole Laura Boldrini, che ha sottoscritto l’Alleanza parlamentare globale, promossa dal Forum Internazionale di parlamentari che ha avuto luogo durante i lavori della conferenza.

Il tema è stato introdotto da Maria Grazia Panunzi, presidente di AIDOS che ha sottolineato come in questo momento sia particolarmente importante costruire nel mondo, in Europa e in Italia un’alleanza per promuovere e difendere i diritti di donne e ragazze e favorire la parità di genere, l’autodeterminazione, e l’empowerment .

Leggi il resto »

Rivoluzione Ajax: le calciatrici avranno lo stesso contratto e gli stessi diritti dei colleghi maschi

26 Luglio 2019

OPEN 26 luglio 2019 Felice Florio

Tesseramenti più lunghi, assicurazione medica e coperture in caso di infortunio: gli stipendi, però, continueranno a essere decisi dal mercato

L’Ajax, la squadra di Amsterdam, sarà la prima dei Paese Bassi e tra le prime al mondo a garantire alle proprie calciatrici gli stessi diritti dei colleghi maschi. Con un’eccezione: lo stipendio, che continuerà a essere stabilito dalle leggi di mercato.
Diritti diversi
La parità contrattuale partirà dal 2020, anticipando quella che è un’altra decisione importantissima per il mondo dello sport. La Federazione olandese aveva già stabilito che premi e stipendi delle Nazionali dovessero essere equiparati tra atlete e atleti. Ma l’avvio della misura a livello nazionale è previsto per il 2023.
La bellezza dell’uguaglianza

Sulla scia dell’entusiasmo cominciato durante il recente Mondiale femminile, la società ha scelto di garantire una parità contrattuale tra uomini e donne delle squadre che portano il nome dell’Ajax. Salario minimo, stesse ferie, assicurazione medica e coperture stipendiali in caso di infortuni lunghi. Non può essere regolamentato, però, lo stipendio: quello lo decideranno sempre le leggi di mercato.


Sempre più professioniste
«Con questo accordo collettivo possiamo fare un altro passo in avanti verso la professionalizzazione del calcio femminile – ha detto Daphne Koster, responsabile della sezione femminile dell’Ajax – Spero che altri club seguano il nostro esempio. Finora potevamo concludere contratti al massimo di due anni e una tesserata poteva andarsene anche a metà stagione, questo accordo cambia completamente le cose».

“Puoi spararmi con le tue parole, ma ancora, come l’aria, mi solleverò”. La deputata Omar risponde con una poesia ai cori razzisti di Trump

24 Luglio 2019

Huffpost 18 luglio 2019 Giulia Belardelli

A un comizio il presidente ha galvanizzato i suoi fan al grido: "Rimandiamola indietro". Ma la parlamentare, rifugiata somala e cittadina Usa dal 2000, non ha nessuna intenzione di farsi intimidire

Alle accuse e ai commenti razzisti di Donald Trump – e ai suoi sostenitori che durante un comizio hanno urlato di “rimandarla indietro” – lei, Ilhan Omar, deputata dem rifugiata dalla Somalia e cittadina americana dal 2000, ha scelto di rispondere con un passaggio della poesia “Still I Rise” di Maya Angelou, grande poetessa e scrittrice afroamericana, pioniera dei diritti civili.

Leggi il resto »