E venne il tempo delle donne... E le donne accesero il mondo

E venne il tempo delle donne... E le donne accesero il mondo Corriere della sera - La 27 ora 28 marzo 2020 Giorgia Vezzoli  E venne il tempo delle donne, ...

Biennale Donna: la fotografia tra gli anni Cinquanta e Ottanta in mostra a Ferrara

Biennale Donna: la fotografia tra gli anni Cinquanta e Ottanta in mostra a Ferrara Artribune 14 marzo 2020 - Valentina Muzi LA DICIOTTESIMA EDIZIONE DELLA BIENNALE DONNA DI FERRARA SARÀ DEDICATA ALL’AUTORIALITÀ ...

Perché le donne devono dimostrare di essere più forti degli uomini per essere elette in politica?

Perché le donne devono dimostrare di essere più forti degli uomini per essere elette in politica? The VISION - DI LAURA LOGUERCIO    24 MARZO 2020 Il 5 marzo la senatrice Elizabeth Warren si è ...

Atlante Italiano della Contraccezione

Atlante Italiano della Contraccezione Enrica Guglielmotti Segnaliamo che è uscito recentemente a cura dell'AIDOS (Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo) , l'Atlante Italiano della Contraccezione. E' ...

Emergenza Covid-19. L’impatto sui diritti delle/dei cittadine/i straniere/i e le misure di tutela necessarie: una prima ricognizione

26 Marzo 2020

ASGI Associazione per gli Studi Giuridici sull’immigrazione

“Nei periodi di crisi, gli effetti delle disuguaglianze formali e sostanziali diventano ancor più evidenti. Le note che seguono forniscono una prima panoramica sui diritti dei cittadini stranieri messi a rischio dall’emergenza COVID-19.”

Così inizia il documento Emergenza Covid-19. L’impatto sui diritti delle/dei cittadine/i straniere/i e le misure di tutela necessarie: una prima ricognizione che ha ricevuto oltre 400 adesioni in due giorni (di cui 200 arrivano da associazioni sia italiane che straniere come il Danish Refugee Council e il Refugee Rights Europe) per spezzare il silenzio ed evidenziare le criticità che, in questa drammatica situazione di emergenza da COVID-19, caratterizzano la condizione delle persone straniere ed in particolare dei/delle richiedenti asilo, delle persone senza fissa dimora e dei lavoratori e delle lavoratrici ammassati negli insediamenti informali rurali.

Persone che ad oggi sono prive di effettiva tutela, nella maggioranza dei casi anche degli strumenti minimi di contenimento (mascherine e guanti – acqua, servizi igienici), ed oggettivamente impossibilitate a rispettare le misure previste dal legislatore, vivendo in luoghi che di per sé costituiscono assembramenti.

Leggi il resto »

La pandemia e le donne

24 Marzo 2020

Ladynomics 23 marzo 2020 Federica Gentile Photo by Luis Melendez on Unsplash

Secondo esperti ed esperte, nel passato è mancato un approccio sensibile al genere per quanto riguarda le epidemie, ed è un problema, perchè le epidemie e le pandemie hanno invece un impatto diverso su uomini e donne.

Leggi il resto »

Nei media l’uguaglianza si è arenata

Giulia.Giornaliste Redazione 23 marzo 2020

Costruire un futuro sostenibile per tutti, significa non lasciare indietro nessuno. Lo studio di UnWomen che vi proponiamo, purtroppo, dimostra che le donne restano un passo indietro. O due…

La piena ed equa partecipazione delle donne a tutti gli aspetti della società è un diritto umano fondamentale. Eppure, in tutto il mondo, dalla politica allo spettacolo al lavoro, le donne e le ragazze sono ampiamente sottorappresentate.

Leggi il resto »

Coronavirus e altre malattie del Pianeta: qual è il piano?

da POLITICA AL FEMMINILE IL FEMMINILE NELLA POLITICA – 22 marzo 2020

Prima di tutto grazie al Governo per aver chiuso tutto quello che si poteva chiudere. Ora però chiediamocelo: qual è il piano? #iostoacasa è la misura imprescindibile di sopravvivenza ora da osservare tassativamente, la prima difesa. Ma poi? qual è il piano?

Dopo il lutto e i terremoti economici, i sopravvissuti usciranno dalle quarantene e cercheranno di ricostruire una normalità. Ma già lo sappiamo, che sarà solo una breve tregua: perché un nuovo virus sostituirà il precedente e si dovrà ricominciare da capo. Lo sappiamo vero?
No, non lo sa nessuno, perché di questo non si parla. Eppure c’è ormai una immensa letteratura che spiega come il ripetersi di epidemie spaventose è nato e si perpetua proprio dal modo mostruoso in cui trattiamo gli animali (quelli selvatici e quelli negli allevamenti “da carne”) e con cui devastiamo gli ecosistemi.

Leggi il resto »

Nome in codice Mascarilla19, per sfuggire alla violenza machista

22 Marzo 2020

La Repubblica 22 marzo 2020 – Alessandro Oppes

L’appello di Sánchez a proteggere le donne confinate in casa con i loro aguzziniL’iniziativa dei farmacisti alle Canarie per far scattare l’allarmedi Alessandro Oppes La condanna è doppia. Costrette a casa dal confinamento imposto con la proclamazione dello stato d’emergenza, ma anche alla mercé, 24 ore su 24, dei loro maltrattatori. Scatta l’allarme violenza machista nella Spagna che vive i giorni più duri della pandemia. E per porre un freno a questo temuto e prevedibile danno collaterale dell’isolamento forzato, si ingegna per primo il governo regionale delle Canarie con un’iniziativa che ha subito raccolto consensi in tutto il Paese. L’hanno chiamata campagna Mascarilla-19, dal nome in codice che la vittima deve pronunciare se, con una scusa, riesce a liberarsi per un attimo del controllo asfissiante del suo aggressore dicendo che deve andare in farmacia. Basta che chieda una “mascarilla 19” (mascherina 19) e il farmacista sa di dover avviare immediatamente il protocollo d’emergenza: chiamare il 112 perché intervenga la polizia e le strutture pubbliche di assistenza contro la violenza machista. La proposta del Instituto Canario de Igualdad ha subito fatto il giro del web e in altre regioni, da Madrid a Valencia all’Andalusia, pensano di farla propria.I timori di una nuova esplosione di violenza tra le mura domestiche hanno trovato una conferma già venerdì sera — nel sesto giorno di quarantena imposta agli spagnoli — quando una donna di 35 anni è stata assassinata dal marito davanti ai due figli ad Almassora, in provincia di Castellón. E a Siviglia, una donna di 46 anni è ricoverata in gravi condizioni: il compagno ha tentato di sgozzarla con un coltello dopo che lei gli ha detto di voler mettere fine alla relazione.Appena due giorni prima, era stato proprio il presidente del governo Pedro Sánchez a lanciare l’allarme in Parlamento, chiamando alla «responsabilità di proteggere le donne» dalla «doppia minaccia » del virus e della violenza machista. Perciò l’esecutivo Psoe-Podemos ha subito varato un piano d’emergenza, che prevede tra l’altro la possibilità per le vittime di mandare un messaggio d’allarme con messaggeria istantanea geolocalizzabile alle forze dell’ordine, perché possano intervenire immediatamente nei casi più gravi.