L’UE fermi l’uscita della Polonia dalla Convenzione di Istanbul

Corriere della sera - La 27 ora - 8 agosto Laura Onofri Le ripercussioni sul piano concreto saranno molto ...

APPROVATE LE NUOVE LINEE GUIDA PER L'USO DELLA RU486

APPROVATE LE NUOVE LINEE GUIDA PER L'USO DELLA RU486 Comunicato SeNoNOraQuando - Coordinamento Nazionale Comitati APPROVATE LE NUOVE LINEE GUIDA PER L'USO DELLA RU486Esprimiamo grande soddisfazione per l'approvazione delle nuove ...

Il fondo per le casalinghe? Lo specchio degli stereotipi italiani

Il fondo per le casalinghe? Lo specchio degli stereotipi italiani Per la ministra Bonetti si tratta di un doveroso investimento sulle donne, che però rischia semplicemente di rafforzare un pregiudizio. ...

L'UE fermi l'uscita della Polonia dalla Convenzione di Istanbul

L'UE fermi l'uscita della Polonia dalla Convenzione di Istanbul Il Governo polacco ha iniziato il procedimento di recesso dalla Convenzione di Istanbul. Ci preoccupa questa decisione non solo per ...

Il “femminismo delle esperte” non basta: ora serve un grande movimento di donne

Il “femminismo delle esperte” non basta: ora serve un grande movimento di donne Corriere della sera - La 27 ora - Alessandra Bocchetti Adesso che si cercano soldi per far fronte alla più grande ...

All’asterisco, all’asterisco! Si salvi chi può!

Manuela Manera Linguista – SeNonOraQuando? Torino

Sabato mattina, 25 luglio 2020. Sul quotidiano «La Stampa» esce un trafiletto di Mattia Feltri intitolato “Allarmi siam fascistə”. Incuriosita, inizio a leggerlo, ma mi interrompo quasi subito. Alla frase “l’asterisco indica un plurale né maschile né femminile, poiché in italiano il plurale neutro finisce in -i, e coincide col maschile”, è evidente che chi scrive non conosce né il funzionamento del sistema linguistico italiano né le varie strategie che si tentano (a livello sperimentale) per superare il binarismo grammaticale m/f.

Leggi il resto »

Il Presidente del Consiglio diffida la Puglia sulla doppia preferenza di genere.

23 Luglio 2020

Comunicato di Noi Rete Donne che esprime soddisfazione per la diffida che il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha rivolto alla Regione Puglia per adeguare la propria  legge elettorale alla normativa nazionale che garantisce il principio di pari opportunità tra donne e uomini nell’accesso alle cariche elettive

Il Presidente del Consiglio Conte ha diffidato la Regione Puglia ad adeguare, entro il 28 luglio, la legge elettorale regionale “ai principi – si legge nel provvedimento – di promozione delle pari opportunità tra donne e uomini nell’accesso alle cariche elettive”

Noi Rete Donne plaude all’iniziativa del governo che conferma l’interpretazione secondo la quale la legge nazionale  20/2016 è direttamente applicabile e  la possibilità del governo, nel caso in cui la Regione non si adegui entro tale data,  a sostituirsi alle Regioni quando lo richiedano la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni  concernenti i diritti civili e sociali.(art.120 Cost.)

Noi Rete Donne si augura che il Consiglio Regionale della Puglia approvi la legge entro tale termine.

                                                                                   NOI RETE DONNE

Liguria: si voterà con la doppia preferenza.

22 Luglio 2020

Comunicato di Noi Rete Donne

Finalmente in Liguria è stata approvata la legge sulla doppia preferenza di genere. Noi Rete Donne, che si è posta l’obiettivo di introdurre la doppia preferenza di genere da oltre 10 anni, esprime grande soddisfazione per il risultato ottenuto con il voto all’unanimità del Consiglio regionale.

Questa norma favorirà la partecipazione delle donne nell’Istituzione regionale in tutte le forze politiche.

La rete si augura che anche in Puglia si proceda immediatamente all’adeguamento della legge elettorale alla legge nazionale 20/2016 evitando il ricorso al potere sostitutivo del governo.

Noi Rete Donne auspica altresì che le Regioni ancora inadempienti: Piemonte, Sicilia, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta, Provincia autonoma di Bolzano, a cui ha rivolto la sollecitazione ad adeguarsi procedano subito.

NOI RETE DONNE

Il Paese che vogliamo

21 Luglio 2020

IL PAESE CHE VOGLIAMO
Zoom meeting 27 luglio 2020, ore 18


In questo primo appuntamento parleremo di ciò che ci sta più a cuore e di quello che più ci preoccupa, di quello che vogliamo cambiare, di quello che vorremo tenere. Parleremo di lavoro, di scuola, di salute, di ambiente o semplicemente di noi. Raccontiamoci le nostre idee, le esperienze, i nostri errori, i tentativi, i dubbi. Raccontiamoci non solo i bisogni ma anche i desideri.

Leggi il resto »