Aborto, espulsione dal lavoro, violenza… ecco perché abbiamo (ancora) bisogno che la nostra rabbia ci unisca

Corriere della sera – La 27 ora – 7 ottobre 2020 – Laura Onofri

Cosa sta succedendo ai diritti delle donne? A quei diritti che affermano la loro libertà, la loro dignità e sanciscono la loro autodeterminazione? Purtroppo ogni giorno assistiamo sgomente al loro arretramento nei nostri territori, in Italia, in Europa, nel Mondo.

Leggi il resto »

Un attacco alle donne che viene da lontano

Internazionale 5 ottobre – Silvia Ballestra

A ripercorrere dall’inizio la storia dei cimiteri dei feti si può tornare indietro di circa vent’anni, perché è una storia che dura da tanto, tra le denunce delle donne fin qui inascoltate dalla politica. Viene alla ribalta ora grazie a un post diventato virale su Facebook. Marta Loi, dopo aver affrontato un aborto terapeutico, ha trovato il suo nome affisso su una croce, in un campo del cimitero Flaminio di Roma.

Leggi il resto »

Una risposta femminista alle dure leggi polacche contro l’aborto

Internazionale – 28 settembre 2020 Claudia Torrisi

“È stata l’esperienza più incredibile e straordinaria della mia vita”, mi ha raccontato la veterana delle lotte per i diritti delle donne Mara Clarke. “È stata una follia. Ma al tempo stesso è stato meraviglioso. E ha dimostrato che sorelle e fratelli possono ottenere dei risultati quando lo vogliono davvero”.

A dicembre 2019, tre mesi prima che l’epidemia di coronavirus venisse dichiarata pandemia globale, un gruppo di donne provenienti da tutta Europa ha lanciato un’audace risposta femminista alle draconiane leggi contro l’aborto in Polonia: Abortion without borders. Da allora dicono di aver aiutato più di 2.200 persone con informazioni, soldi e supporto per poter abortire in sicurezza all’estero o ordinando pillole abortive online.

Le restrizioni per il covid-19, e in particolare la chiusura delle frontiere e le quarantene obbligatorie, hanno minacciato questa nuova iniziativa, mentre alcuni gruppi ultraconservatori in Polonia sono stati accusati di usare la crisi per promuovere il loro programma antiabortista.

Queste donne però hanno alle spalle anni di lotte contro tutto e tutti per i diritti riproduttivi, e hanno preso in mano la situazione.

Leggi il resto »

I cimiteri dei feti umiliano le donne. Li ho mappati e non sono un’eccezione, mala normalità.

THE VISION di Jennifer Guerra –

Il 28 settembre una giovane donna romana ha raccontato su Facebook che sette mesi dopo aver subìto un aborto terapeutico ha scoperto che il feto era stato inumato al cimitero Flaminio senza alcun consenso. Non solo, era stato sepolto con una croce, e sulla croce era stato scritto il nome della donna. Alla domanda se volesse occuparsi lei delle esequie, aveva infatti detto di no, ma di certo non si aspettava che avrebbe trovato una croce con il suo nome in un cimitero di Roma.

Leggi il resto »