LA PARITÀ UOMO-DONNA DIMENTICATA DALLA SINISTRA

La Repubblica 13 marzo 2018       MICHELA MARZANO

La parità uomo-donna è ancora molto lontana in Italia, e la politica non aiuta nemmeno quando ci si proclama di sinistra, anzi.
Nonostante il nuovo Parlamento sia il più “rosa” della storia repubblicana con il 34% di deputate e senatrici, ci sono più donne elette nel M5S e in Fi di quante non ce ne siano nel Pd o in Leu, facendo sorgere il sospetto che il principio di uguaglianza piaccia molto quando si tratta di rivendicarlo, ma resti poi lettera morta quando si passa dalla teoria alla pratica. Certo, la nuova legge elettorale prevedeva nelle liste l’alternanza di genere. Ma è stato facile aggirare l’ostacolo con lo stratagemma delle pluricandidature femminili: mettendo le stesse donne capolista in più collegi, una volta avuti i risultati e scelto il collegio in cui farsi eleggere, sono stati tanti i posti che si sono liberati per i maschi. Per non parlare poi della situazione ai vertici del Pd: gli unici nomi che circolano in questi giorni per la segreteria sono maschili.

Leggi il resto »

Torino: svolta all’università, congedo parentale allo studente che diventa papà

La Repubblica      16 febbraio 2018                   Jacopo Ricca

Riconosciuta la parità di genere: tasse sospese per un anno

Gli universitari che diventano padri potranno chiedere il congedo come le loro colleghe donne. Svolta nella lotta per la parità di genere all’Università di Torino dove anche gli studenti padri potranno sospendere la loro carriera accademica senza pagare le tasse per un anno. La novità è prevista dal nuovo regolamento votato dall’ateneo di via Verdi che cerca di avere un linguaggio non discriminatorio: “Ci piace sottolineare questa cosa perché, oltre a essere un adeguamento formale, si combina anche con un cambiamento sostanziale – spiega il portavoce di Studenti Indipendenti, Federico Salvatore – Leggi il resto »

Udi Napoli / A novembre il G7, il W7 e la parità di genere

Noi Donne    7 giugno 2017

Al G7 una sessione sarà sulla questione femminile nei paesi membri. Il documento “W7 Startingfromgirls” proiettato verso l’ambizioso obiettivo “parità di genere entro il 2030”…

A novembre si terrà una sessione dei G7 incentrata sulla questione femminile nei paesi membri. I temi proposti nel documento “W7 Startingfromgirls” sono proiettati verso l’ambizioso obiettivo “parità di genere entro il 2030”.

Le pari opportunità di genere sono condizionate dal comportamento delle classi dirigenti degli Stati, la maggioranza dei quali persistono in un comportamento di indifferenza se non di contrarietà nell’attuazione delle norme da tempo indicate come doverose nei consessi internazionali. Questo non solo nei paesi dove solo recentemente è emersa la visibilità delle pressioni e della consapevolezza delle donne, ma anche nei paesi così detti avanzati. La migliore condizione del genere femminile, in Europa e nei paesi a conduzione democratica, non mette al riparo dall’iniquità nell’accesso alle risorse da parte delle donne, fatto questo in gran parte riconosciuto e lamentato anche dalla politica istituzionale. Leggi il resto »

Valeria Fedeli una di noi

Laura Onofri

Al di là di quello che ognuna di noi pensa sulla formazione del governo appena nato, una notizia ci rende felici stasera: Valeria Fedeli sarà la prossima  Ministra dell’Istruzione.

Finalmente sentiamo che a rappresentarci c’è una di noi. Non solo perchè  Valeria è fra le fondatrici di SeNonOraQuando?, non solo perchè ha sempre preso parte, con una disponibilità davvero unica, a tante delle iniziative che a Torino abbiamo organizzato e che l’hanno vista  portare un contributo importante e concreto, non solo perchè ha sempre dimostrato  una sensibilità, una capacità di analisi e una passione  per le battaglie per i diritti, contro le discriminazioni   e per  il superamento delle disuguaglianze tra uomini e donne che poche politiche hanno, non solo perchè tutta la sua storia e il suo lavoro hanno sempre avuto come riferimento il tema della parità fra i generi.

La sentiamo una di noi perchè  in questi tre anni al Senato,  come Laura Boldrini alla Camera, ha avuto sempre ben presente quanta strada c’è ancora da compiere per arrivare ad un’effettiva parità, non solo dal punto di vista legislativo, ma anche e soprattutto dal punto di vista culturale e ha instancabilmente lavorato per questo, tessendo rapporti e alleanze anche con colleghe  dell’opposizione, tanto da far dire, ad una deputata di Forza Italia, appena saputo della sua nomina :“Finalmente  usciranno le linee guida sull’educazione di genere”.

Forse non tutte sanno cosa ha fatto Valeria Fedeli per le donne in questi tre anni. Leggi il resto »

La parità di genere tra i lavoratori della sanità

La parità di genere tra i lavoratori della sanità: se ne parlerà in un seminario il

29 novembre 2016  ore 14,30 

Torino, Via Magenta, 12, Sala Magenta, 

C’è parità di trattamento tra le donne e gli uomini che lavorano nella sanità pubblica? L’argomento sarà affrontato in un seminario promosso dalla Consigliera di parità della Regione Piemonte, Giulia Maria Cavaletto, in collaborazione con il Comitato unico di garanzia Pari opportunità Molinette.

Introdurranno i lavori le assessore regionali all’Istruzione, Lavoro e Formazione professionale e alle Pari Opportunità. Carla Lavarini, che coordina il gruppo di lavoro “Progressioni di carriera” del Cug PO Molinette, e Fulvio Ricceri, epidemiologo dell’Università di Torino, presenteranno i risultati dello studio della distribuzione per genere dei dipendenti dell’ospedale San Giovanni Battista di Torino.
Saranno analizzati percorsi occupazionali, carriere, differenziali retributivi delle donne occupate nel settore sanitario. Il seminario è un’opportunità per fornire indicazioni sul benessere organizzativo e la promozione di politiche di pari opportunità.