ADERIAMO ALL’APPELLO CONTRO LA RECESSIONE DELLA TURCHIA DALLA CONVENZIONE DI ISTANBUL

Roma 21marzo 2021. Noi Rete Donne, network nazionale femminile impegnato da oltre 10 anni sul fronte della democrazia paritaria aderisce all’appello “Ci rifiutiamo di ritirarci dalla Convenzione di Istanbul!” lanciato oggi 20 marzo 2021, dalla Mor Çatı Women’s Shelter Foundation , organizzazione fondata nel 1990 in Turchia per combattere la violenza maschile contro le donne.

La Mor Çatı (che vuole dire “tetto viola”) oltre a gestire consultori ed organizzare case rifugio, dal 2019 conduce un progetto per il supporto legale gratuito per le donne che si trovino in situazioni di violenza domestica e suggerisce misure per implementare gli strumenti della Legge n. 6284 (legge turca sulla prevenzione della violenza maschile).

La notizia che la Turchia – un Paese dove i movimenti femministi hanno avuto un ruolo storico fondamentale e sono ancora una parte molto attiva della società – abbandoni la Convenzione di Istanbul appare un ulteriore e gravissimo arretramento sul piano della garazia dei diritti civili conseguenza di una scelta assurdamente motivata (i principi della Carta danneggerebbero l’unità familiare) dal governo Erdogan. Una contraddizione in termini se si considera che la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne è stata aperta alla firma l’11 maggio 2011 proprio nella città simbolo della Turchia.

Leggi il resto »

Un appello contro la violenza di genere in Polonia

Internazionale 14 agosto 2020 – Paul B. Preciado, filosofo

Venerdì 7 agosto un tribunale polacco ha ordinato l’incriminazione e l’incarcerazione preventiva di Margot, un’attivista non binaria che usa pronomi femminili, e di uno dei fondatori del collettivo polacco queer Stop bzdurom. I due dovrebbero restare in prigione per due mesi, accusati di aver assaltato e distrutto un furgone della campagna Stop pedofilia. Da mesi i furgoni, parte di un’iniziativa lanciata dall’organizzazione provita, neonazionalista e cattolica Fundacja pro-prawo do życia (Fondazione per il diritto alla vita) e sostenuta da gran parte delle istituzioni governative, girano indisturbati per le strade di Varsavia. I manifesti esposti sui furgoni equiparano la pedofilia all’omosessualità e l’educazione sessuale all’abuso sessuale.

Leggi il resto »

L’UE fermi l’uscita della Polonia dalla Convenzione di Istanbul

Corriere della sera – La 27 ora – 8 agosto Laura Onofri

Le ripercussioni sul piano concreto saranno molto pesanti per le donne polacche, che infatti sono già scese in piazza e hanno dichiarato uno sciopero ad oltranza per contrastare la decisione del governo, che ha deciso di recedere dalla Convenzione di Istanbul, sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne. Sperando di ottenere lo stesso risultato del 2016, quando il Parlamento, dopo la grande marcia di protesta delle donne, respinse il disegno di legge che introduceva di fatto il divieto totale di interruzione di gravidanza.

Leggi il resto »

L’UE fermi l’uscita della Polonia dalla Convenzione di Istanbul

Il Governo polacco ha iniziato il procedimento di recesso dalla Convenzione di Istanbul. Ci preoccupa questa decisione non solo per le donne polacche, ma anche per i diritti di tutte e tutti in Europa. Abbiamo quindi scritto ai vertici europei perchè con fermezza prendano una posizione nei confronti del Governo polacco e degli altri eventuali governi che vogliano intraprendere questa strada. Qui di seguito la lettera (inviata anche in inglese e in francese) e qui il link della petizione se vorrete sottoscriverla.

Leggi il resto »

UN’ALLEANZA GLOBALE PER LE DONNE: Se Non Ora Quando?

Laura Onofri

Si è svolto giovedì 25 luglio a Roma l’incontro promosso da AIDOS -Associazione italiana donne per lo sviluppo-  e da Laura Boldrini, dal titolo “L’Alleanza parlamentare globale sui diritti delle donne in vista di Cairo e Pechino + 25”

L’iniziativa è stata l’occasione per aggiornare la platea circa la Conferenza mondiale “WOMAN DELIVER 2019” sulle questioni di genere e la salute sessuale e riproduttiva, svoltasi a Vancouver nello scorso mese di giugno, e a cui ha partecipato, in rappresentanza del Gruppo parlamentare, l’onorevole Laura Boldrini, che ha sottoscritto l’Alleanza parlamentare globale, promossa dal Forum Internazionale di parlamentari che ha avuto luogo durante i lavori della conferenza.

Il tema è stato introdotto da Maria Grazia Panunzi, presidente di AIDOS che ha sottolineato come in questo momento sia particolarmente importante costruire nel mondo, in Europa e in Italia un’alleanza per promuovere e difendere i diritti di donne e ragazze e favorire la parità di genere, l’autodeterminazione, e l’empowerment .

Leggi il resto »